Uefa, arriva la “Europa Conference League”: cosa interessa l’Italia

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Sarà la terza competizione europea per club, una sorta di “pronipote” della vecchia Intertoto. Stiamo parlando della “Europa Conference League”, varata dalla Uefa, nella seduta dell’organo direttivo tenutasi ieri, a Lubiana. Alla competizione, per ciò che riguarda l’Italia, prenderà parte la settima classificata della Serie A. Per questo motivo, il paragone con l’Intertoto non ci sembrava azzardato. La competizione, potrebbe fornire un buono “sbocco” su palcoscenici di livello internazionale, a squadre medio-piccole che hanno meno possibilità di confrontars oltre i confini nazionali. Per ora, ciò che è certo, è che la competizione debutterà dal 2021, e verrà disputata di giovedì, nelle seguenti fasce orarie: 18:45 e 21:00. Inizialmente avrebbe dovuto chiamarsi Europa League 2, ma poi, il massimo organo calcistico europeo, ha deciso di battezzarla con un nome proprio, per distinguerla dalla ex Coppa Uefa. L’istituzione di una nuova competizione europea era nell’aria già da tempo, ed ora è stata ufficializzata.

Europa Conference League, la formula del torneo:

La formula del torneo deve essere ancora definita nei particolari ma, da quanto emerge dalle prime indiscrezioni, dovrebbero parteciparvi 32 squadre, suddivise in otto gruppi da quattro. Le prime di ogni girone, dovrebbero accedere agli ottavi di finale, mentre le seconde classificate, dovrebbero disputare un ulteriore turno preliminare contro le formazioni terze classificate dei gironi di Europa League. Il calcio europeo, si arricchisce dunque di una nuova competizione.

  •   
  •  
  •  
  •