Sampdoria: è Ranieri l’uomo della speranza

Pubblicato il autore: fabricondo Segui

File photo dated 26-12-2018 of Fulham manager Claudio Ranieri.

Un “aggiustatore” per rimettere in sesto una Sampdoria a pezzi. E’ Claudio Ranieri il tecnico individuato dal presidente Ferrero per sostituire Eusebio Di Francesco, dopo la separazione consensuale tra il tecnico abruzzese e il club blucerchiato, in piena bufera. La squadra è ultima in serie A con appena 3 punti, magro bottino dopo le 6 sconfitte maturate nelle prime 7 giornate di campionato. Un inizio tremendo, provocato anche dall’incertezza societaria, dopo la trattativa con la cordata Vialli, fallita dopo un lungo ping pong. Il primo obiettivo per la panchina in realtà era Stefano Pioli,  che ha però ceduto alle lusinghe del Milan, che ha chiuso la breve era Giampaolo, guarda caso ex guida della Sampdoria. Da questo vortice di nomi, ricorrenze e coincidenze esce Ranieri, che nella parta finale della scorsa stagione aveva guidato la “sua” Roma ad una disperata quanto vana rincorsa ad un posto in Champions League. 68 anni, con uno storico titolo in Premier con il Leicester che brilla nel suo carniere, l’allenatore capitolino avrebbe già raggiunto l’intesa economica con Ferrero, che nella giornata di oggi ha convocato un vertice a Roma con il vicepresidente Romei, il ds Osti e il capo dello scouting Pecini: il tecnico, abituato ad inseguire imprese, chiede un biennale. Non c’è tempo da perdere, anche perché dopo il no di Pioli era arrivato quello di Rino Gattuso. La vera alternativa, in caso di fallimento della trattativa con Ranieri, sarebbe Gianni De Biasi e non Giuseppe Iachini, nonostante il gradimento della piazza, che non ha dimenticato la promozione del 2012. Tutte le strade però sembrano portare a Ranieri, che ha l’arduo compito di rivitalizzare una squadra in piena crisi di identità e con notevoli lacune tecniche, dopo un mercato povero e nel quale sono partiti i pezzi migliori. Inoltre, va rigenerato Quagliarella, implacabile cecchino nella passata stagione e quest’anno poco brillante. Nel frattempo la squadra continua a lavorare a Bogliasco agli ordini di Palombo: l’ex capitano era già presente nello staff di Giampaolo e poi di Di Francesco. Bisogna fare in fretta, però. Domenica 20 arriva a Marassi una Roma arrabbiata dopo il pari interno con il Cagliari e le polemiche sull’arbitro Massa. E chi meglio del Sor Claudio per fermare i giallorossi e riprendere la marcia in campionato? Domani sapremo.

  •   
  •  
  •  
  •