Inter: Gabigol merita una seconda chance? 5 motivi per il sì e 5 per il no

Pubblicato il autore: Giuseppe Colicchia Segui

Gabriel Barbosa in Brasile è tornato ad essere Gabigol, quel talento brasiliano che pochi anni fa incantò il mondo intero e spinse l’Inter nel 2016 a sborsare più di 30 milioni di euro per accaparrarselo. Ma all’Inter le cose non andarono affatto bene: solo 10 apparizioni in maglia nerazzurra e una sola rete, sotto la guida di tre allenatori diversi che non hanno puntato su di lui (De Boer, Pioli e Vecchi). L’anno seguente l’approdo al Benfica non cambiò le cose: Barbosa nel calcio Europeo non solo non riesce a brillare, ma proprio non trova minuti in campo. L’Inter, ancora proprietaria del cartellino, prova così a farlo tornare in Brasile per farlo rinascere: chi meglio del Santos che lo ha formato e lanciato? Il prestito al Santos risulta molto proficuo: 27 gol stagionali per l’attaccante brasiliano che comincia così a riottenere una certa attenzione nei suoi confronti; il Flamengo mette gli occhi su di lui, l’Inter accetta il prestito ed è la scelta migliore per tutti. Gabigol al Flamengo segna a raffica in campionato, in Coppa Libertadores e nella coppa di lega: 40 gol stagionali! Gli ultimi 2 di questi 40 gol sono i più importanti. Come mai? Il Flamengo si gioca la finale della Coppa Libertadores contro i campioni in carica del River Plate, la squadra argentina è in vantaggio per 1 a 0 e mancano pochi minuti alla fine della partita. Tutto sembra già deciso ma Gabriel Barbosa ha qualcosa da dire al mondo, Gabigol ha ancora delle cartucce da sparare: ribalta la partita con una doppietta e porta il Flamengo al trionfo.

Siamo ad oggi, l’Inter deve decidere il futuro di Gabigol. Il mercato di gennaio si avvicina, la stagione in Brasile è quasi conclusa ed è ora di tirare le somme: cosa fare? Tenerlo in rosa dandogli una seconda opportunità sotto la guida di Antonio Conte o venderlo definitivamente in modo da ottenere una ricca plusvalenza?

Gabigol Inter: ecco perché il brasiliano merita una seconda chance

  1. Gabigol ha ritrovato una straordinaria vena realizzativa: 40 gol stagionali sono numeri da capogiro! Quale squadra rinuncerebbe ad un attaccante così in forma?
  2. L’Inter nel 2016 ha sborsato una cifra veramente elevata per accaparrarselo: i 33 milioni spesi per lui fanno di Gabigol uno degli acquisti più costosi della storia del Club. Finora è sempre stato considerato un flop di mercato… perché non dimostrare a tutti che si sono sbagliati e che l’Inter ci aveva visto lungo?
  3. I tifosi interisti non hanno mai smesso di amare Gabigol (almeno una parte di essi). Fin dalle prime apparizioni in maglia nerazzurra, quando l’attesa e la voglia di vederlo all’opera era tanta, i tifosi interisti hanno dimostrato un grandissimo affetto nei confronti dell’attaccante brasiliano (certe volte un affetto quasi esagerato). Gabriel entrava in campo e partiva il boato di San Siro, il ragazzo si esaltava e si esibiva in numeri e giocate di fino che mandavano in visibilio il pubblico: colpi di tacco, biciclette, veroniche… Una buona parte di tifosi nerazzurri freme per rivederlo in campo con i colori dell’Inter, l’ambiente non sarà ostico in caso di un suo ritorno.
  4. Barbosa ha 23 anni, è ancora molto giovane e i margini di crescita sono ancora molto alti. Non è più il ragazzino poco maturo che approdò in nerazzurro con tanto di presentazione in pompa magna in stile Ronaldo il fenomeno, ma è ancora tra i talenti più giovani del Brasile!
  5. Prima l’infortunio di Sanchez, poi quello di Politano, gli sfoghi e le lamentele di Conte per una rosa incompleta… L’Inter nella prossima sessione di mercato proverà a regalare un nuovo attaccante a Conte per dare maggior riposo a Lautaro e Lukaku (la sola alternativa attualmente è il giovanissimo Esposito). Ma perché spendere soldi sul mercato quando un nuovo acquisto di livello potrebbe averlo già in casa?

Cinque motivi per cui Gabigol non deve tornare all’Inter

  1. Le minestre riscaldate non sono mai buone. Gabigol ha già fallito in nerazzurro e difficilmente riuscirà ad evitare l’ennesimo flop in un campionato che sembra non adatto a lui e alle sue caratteristiche tecniche.
  2. Ci sarà un motivo se durante i suoi anni all’Inter nessun allenatore gli ha dato spazio? De Boer, Pioli e Vecchi si sono succeduti durante una stagione per nulla facile, dove Gabigol ha collezionato 10 presenze in totale (molte delle quali in spezzoni di partita). Il brasiliano non ha giocato quasi mai. Forse perché non ritenuto pronto? Forse per uno scarso impegno in allenamento? Anche Spalletti lo ha avuto a disposizione nel precampionato della sua prima stagione in nerazzurro, e neanche il tecnico di Certaldo ha puntato su di lui, accogliendo positivamente la sua cessione in prestito.
  3. Le parole utilizzate da lui ma anche da parte dei protagonisti dell’Inter (dirigenza e allenatore) fanno pensare che non ci sia alcun margine per una seconda opportunità. Lui ha lanciato frecciatine nei confronti dell’Inter (ad esempio “avrei meritato più spazio”), mentre l’Inter ha chiuso le porte ad un suo possibile ritorno.
  4. Gabigol è un acquisto sbagliato della primissima dirigenza cinese all’Inter. Zhang Jindong, appena approdato al comando dell’Inter, si è affidato e si è fidato di Kia Joorabchian per il mercato iniziale: più di 80 milioni spesi per 2 acquisti che si sono rivelati totalmente sbagliati per l’Inter, Gabigol e Joao Mario. L’Inter adesso ha cambiato rotta, Steven Zhang ha dato un approccio completamente diverso alla gestione del Club e adesso la dirigenza deve dare un chiaro segnale di rottura con il passato, cercando di “cancellare” l’errore Gabigol vendendolo.
  5. Nella sessione estiva di mercato l’Inter ha ceduto le mele marce presenti nella rosa e tutti i giocatori che non rientravano nel progetto, queste cessioni però, oltre a non essere definitive ma solo cessioni in prestito (con o senza il riscatto), non hanno permesso alla società nerazzurra di ricavare abbastanza soldi per rigenerare le casse societarie. Per il mercato di gennaio l’Inter ha bisogno di mettere mani al portafogli per fornire una rosa più completa a Conte, la vendita di Gabigol sarebbe una vera e propria manna dal cielo per la società meneghina! Con le ottime prestazioni dell’attaccante brasiliano, l’Inter prova a far schizzare il prezzo del cartellino: potrebbe arrivare a chiedere anche 40 milioni per cederlo alle tante squadre interessate a lui, in Europa e in Brasile.
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,