Bruno Fernandes: il nuovo mago a tinte rosse nel “Teatro dei sogni”

Pubblicato il autore: Agostino D'Angelo Segui

Il Manchester United, prima della sospensione del campionato, godeva di un ottimo stato di forma. Tuttavia, è importante sottolineare come le prestazioni siano nettamente migliori anche grazie al contributo del nuovo fantasista di casa: Bruno Fernandes.

Il centrocampista ha giocato per cinque stagioni nel campionato di Serie A non avendo mai un impatto devastante come adesso. La sua avventura italiana parte dal Novara, dove colleziona 21 presenze, subito dopo l’Udinese presenta un’offerta per il giovane portoghese e con la maglia bianconera colleziona quasi 90 presenze, giocando anche con il bomber Antonio Di Natale. Un giocatore, quest’ultimo, sempre apprezzato da Bruno Fernandes che dirà di esser stato fortunato nel lavorare con il bomber napoletano, una fortuna per la sua carriera perchè  Totò è stato un maestro nel dare consigli sia in campo che fuori. Un’esperienza a due facce: con Guidolin, Bruno Fernandes ha saputo esprimere tutto il suo talento, successivamente con l’addio del tecnico ha avuto sempre meno spazio. Lo stesso nella Sampdoria, dove non è riuscito ad esprimere tutto il potenziale. L’esplosione di Bruno Fernandes c’è stata dal momento in cui fa ritorno in patria, allo Sporting Lisbona. Il fantasista ha dimostrato tutto se stesso. Tre anni fantasistici che l’hanno consacrato come uno dei centrocampisti più forti. Con 31 goal in campionato, dopo il match sul campo del Chaves,diventa nel suo ruolo, il primo giocatore a segnare più goal in una sola stagione di tutti i campionati europei. Prestazioni superlative che non passano inosservate. Infatti, il Manchester United, che si  presenta con il “cartello lavori in corso”, punta tutto su Bruno Fernandes ed osservando le sue prestazioni da gennaio del nuovo anno, certamente possiamo confermare quanto sia stata giusta la scelta fatta dalle parti di Manchester.

Non a caso nel mese di febbraio è stato eletto ‘Giocatore del Mese’ grazie ad un impatto devastante con 3 gol e 4 assist in 9 gare complessive. Una statistica che certifica la maturità del fantasista portoghese e i miglioramenti avuti nel corso della sua carriera. Un giocatore completo che concentra fantasia, tecnica, senso della posizione e mentalità. Bruno Fernandes presenta, da qualche anno ormai,  il suo miglior quadro. Una forma d’arte costruita esperienza dopo esperienza. Il senso di posizione, uno dei punti di forza per un giocatore che ama la creatività, è fondamentale per un campionato difficile come la Premier League. <<Ho sempre lavorato sui movimenti in profondità, sull’ingresso in area. A Udine mi hanno aiutato i preparatori tecnici>>, sono le parole di Bruno Fernandes, raccontando nel dettaglio la sua crescita. Poi ammette :<<Se arrivi a giocate ad alti livelli vuol dire che hai qualità. Se rischi, sai che quel rischio può portare a qualcosa. Il trequartista non è un ruolo semplice>>. Ecco, in una frase Bruno Fernandes ha saputo inserire una bella cornice al suo percorso, affermando che la sua crescita non è stata del tutto casuale ma frutto del duro lavoro. Inoltre, spiega il compito arduo che richiede il suo ruolo: il rischio. Una sfida quella di Bruno Fernandes, attualmente vinta e di questo se ne gode appieno il Manchester United, consapevole di avere un nuovo fuoriclasse tra le mani, che potrebbe riaccendere la passione nel tifo all’Old Trafford. Perchè se il suo sogno si è avverato e finalmente è diventato realtà, Bruno Fernandes avrà il difficile compito di esprimersi sempre ad alti livelli nel “Teatro dei sogni” per far ricominciare a sognare anche il club, come una volta.

  •   
  •  
  •  
  •