Coronavirus, sospesa la Bundesliga

Pubblicato il autore: Antonio.Ferrentino Segui

Anche in Bundesliga non si scenderà in campo fino al 2 aprile. In Germania si sono arresi di fronte all’evidenza, dopo casi conclamati come quello di Timo Hübers, Jannes Horn, Fabian Nürnbergerin in seconda divisione. La federazione tedesca riteneva in un primo momento  che per arginare i contagi  da coronavirus fosse sufficiente chiudere le porte degli stadi ai tifosi. Ed una delle voci più influenti del calcio tedesco pareva essere d’accordo con questa decisione, l’ad del Bayern riteneva  infatti fondamentale per i club concludere la stagione, soprattutto per aspetti di natura economica e per i piccoli club che per sopravvivere hanno bisogno dei ricavi derivanti dai diritti televisivi. Inoltre  per l’ex Inter  la differenza principale con gli altri campionati era quella di non  avere nessun calciatore contagiato dal virus, dimenticando forse i casi in seconda divisione e l’imprevedibile nel contrarre il virus

Bundesliga, una decisione inevitabile

I primi sentori di questa decisione si erano avuti già nel primo pomeriggio, dopo l’annuncio della possibile positività di Stefan Baumgartl, tecnico del Paderborn. Quindi i pesanti interventi sui social network di giocatori come Thiago Alcantara, lo spagnolo riteneva infatti  folle giocare in questo momento, andando totalmente contro il pensiero di Rummennigge, dirigente proprio del Bayern Monaco. In questo momento di confusione però siamo certi che gli scontri dialettici saranno messi da parte per il bene comune.

  •   
  •  
  •  
  •