Calcio femminile: calciatrici USA contro US Soccer, la guerra continua

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

La battaglia tra le calciatrici USA e la federazione calcistica americana, la US Soccer, continua. Negli Stati Uniti, il movimento calcistico sta crescendo in maniera massiccia. La MLS è oramai diventato un campionato serio e impegnativo, dove il solo Ibrahimovic – giusto per fare un’esempio – non basta più per vincere il campionato. Gli interessi girano ma resta il fatto che l’orgoglio del calcio statunitense – ovvero quel calcio per il quale gli USA sono conosciuti nel mondo – rimane quello femminile.

Le calciatrici statunitensi stanno combattendo oramai da diversi anni contro la US Soccer, rea  di non rispettare il calcio rosa. La questione riguarda soprattutto i salari, dove tra uomini e donne c’è troppo dislivello. Il tutto ha un certo alone di “razzismo” che da fastidio al mondo sportivo. Dunque la lotta delle ragazze USA è assolutamente legittima e giusta, ma la US Soccer sembra non collaborare affatto, rilasciando comunicati alquanto discutibili in merito.

Donne “diversamente abili” secondo la US Soccer

Secondo un documento pubblicato da Buzzfeed News, la federazione USA avrebbe citato tali parole a riguardo della questione innalzata dalle calciatrici USA:

Il lavoro di un calciatore – si intende maschio – raccoglie più responsabilità all’interno della US Soccer rispetto a quello di una calciatrice”.

Ciò però che spicca all interno del comunicato, è la dichiarazione “essere all’interno di una squadra maschile, richiede un livello più alto di abilità”. 

Le calciatrici vogliono 66 milioni di dollari di risarcimento

Il comunicato da parte della US Soccer ha generato un grande polverone nel calcio USA in generale. I colleghi uomini, danno ragione alle giocatrici a stelle e strisce e invocano una parità di salario. Le calciatrici USA facenti parte della nazionale campione del mondo 2019, al momento vogliono un risarcimento di 66 milioni di dollari per discriminazione di genere. Difronte a un comunicato di questo tipo, sarebbe proprio il minimo.

  •   
  •  
  •  
  •