Claudio Ranieri: “Serve unità e responsabilità. Il calcio è un segnale di vita”

Pubblicato il autore: Agostino D'Angelo Segui

Claudio Ranieri attuale allenatore della Sampdoria, in una lettera aperta ha voluto esprimersi sulla situazione d’emergenza che l’Italia sta vivendo in queste ore e in questi giorni. Mai banale e sempre sul pezzo, chiede al popolo italiano di seguire le giuste indicazioni del governo, mettendo in atto la disciplina e la responsabilità.


<<Sono convinto che ce la faremo tutti e quando avremo vinto questa battaglia collettiva, da squadra e non da singoli individui, scopriremo altre sfumature che prima sembravano banali, superflue>>.
Parole che racchiudono tanta positività e speranza, parole di Claudio Ranieri che ribadisce anche quanto sia difficile sconfiggere l’avversario attuale, sottolineando la sua pericolosità perchè silenzioso. I comportamenti indicati dal governo in queste settimane, possono essere le uniche carte da giocare per batterlo lentamente. Restare a casa e mantenere sempre una buona igiene, risultano essere le priorità. Un comportamento secondo Claudio Ranieri che riprende quello che accade in campo e in allenamento con i calciatori. Questi ultimi devono incarnare la disciplina, essere disposti all’ascolto e aiutare il compagno sia in campo dopo un errore e sia in allenamento per migliorare. In una sola frase, serve essere lucidi per comprendere cosa accade sul terreno di gioco. Questi piccoli ma importanti atteggiamenti porteranno tutti noi ad essere uniti, e solamente con la condivisione e l’unità possiamo uscirne vincitori dal campo della vita. Soltanto con una squadra coesa, un allenatore può esprimersi al meglio e portare a casa buoni risultati. In questo caso, tutti i cittadini sono chiamati alla responsabilità e all’unità per non mettere in difficoltà  “l’allenatore”-restando sempre nella metafora che esprime il concetto- Giuseppe Conte.

La Sampdoria al momento è una delle squadre più colpite dal Coronavirus. Una situazione che in un primo momento preoccupava, ma successivamente i giocatori tranquillizzavano l’ambiente portanto tutto sotto controllo.  La priorità nel discorso resta sempre la stessa, anzi Claudio Ranieri ne ribadisce l’importanza e dimostra quanto possa essere bello, restare a casa. Per il mister romano basterebbe un Cruciverba per allenare la mente, la televisione per seguire gli aggiornamenti e Skype per abbracciare i propri cari.

Qualche parola anche per quanto riguarda lo spostamento di Euro2020. <<Era inevitabile e mi pare un provvedimento sensato>> e non manca a sottolineare la sua, con il solito sorriso da persona saggia e solare, affermando che il calendario può essere considerato abbastanza complicato in quanto si giochi in estate ma come tutte le cose belle, va affrontato con il sorriso. E il calcio è una di queste o restando alle parole di mister Claudio Ranieri :<<è un segnale di vita>>.

  •   
  •  
  •  
  •