Ritorna Khedira: equilibrio e tanta esperienza per Maurizio Sarri

Pubblicato il autore: Agostino D'Angelo Segui

Sami Khedira in questa stagione, al momento interrotta per l’emergenza, ha giocato poco a causa di problemi muscolari che ormai lo tormentano da diverse stagioni. Il tedesco fino ad ora ha totalizzato 17 presenze tra campionato e Coppe, di cui 13 da titolare. Con la ripresa del campionato, Khedira sicuramente sarà a disposizione e per questo rappresenta un prezioso regalo per il tecnico bianconero.

I numeri parlano chiaro, con Sami Khedira in campo la Juventus mostra più sicurezza, vincendo le partite con una media di due goal a match. Un dato che fa riflettere, casualità o meno, è quello relativo all’esito dell’incontro. Con il tedesco infatti, la compagine bianconera non ha mai perso. Evidentemente potrebbe trattarsi di puro caso ma in una cosa siamo certi, Khedira porta equilibrio a centrocampo, un fattore che negli ultimi mesi è mancato in quella zona cruciale per i bianconeri. Certamente nelle ultime uscite, Lione compreso, le prestazioni dei centrocampisti sono state in chiaroscuro. Nel match di Champions League, il centrocampo non è entrato mai in partita mentre nella sfida contro l’Inter a far la differenza sono stati Matuidi e Bentancur. Khedira da sempre è stato criticato per il lavoro in mezzo al campo. Criticato per lo scarso dinamismo, quando invece un occhio più esperto quale dell’allenatore, apprezza molto il lavoro del tedesco. Non a caso è stato un punto fermo sia della Juve di Allegri sia per lo scacchiere di inizio stagione di Maurizio Sarri. Il tecnico toscano dopo Atalanta-Juventus difese il centrocampista tedesco affermando:” Se Khedira è un problema io me lo tengo volentieri”. Una frase che la dice lunga sull’importanza dell’esperto centrocampista. Certamente Sami Khedira, non è un ragazzo con tanta freschezza quale invece Bentancur ma per gioco e caratteristica è utile soprattutto perchè imposta la sua partita attraverso il cervello. Un giocatore che conosce al meglio il suo potenziale ed è per questo che viene apprezzato dai tecnici che utilizzano diverse strategie di gioco. Ad esempio Massimiliano Allegri impostava il gioco maggiormente nella propria metà campo, e un calciatore come Khedira in grado di mantenere la posizione e chiudere gli spazi, era preziosissimo.

Sarri invece, per filosofia gioca un calcio più offensivo, più nella metà campo avversaria e per questo motivo Khedira è utile per bilanciare la zona di campo più importante nel calcio: il centrocampo. Una zona che richiede equilibrio e Khedira incarna bene questo ruolo: bravo nel gestire il pallone in fase difensiva e altrettanto utile in fase offensiva grazie ai suoi inserimenti.

  •   
  •  
  •  
  •