F1, Vettel rifiuta la prima proposta Ferrari

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Dopo le dichiarazioni dei giorni scorsi di Vettel, pilota tedesco della Ferrari, si pensava fosse una formalità il rinnovo tra il pilota e la scuderia, invece non è così. Nonostante il pilota nei giorni precedenti abbia dichiarato: “La mia intenzione è quella di rimanere in Ferrari“, oggi, riporta la Gazzetta dello Sport, Vettel avrebbe rifiutato una prima proposta di rinnovo di contratto della scuderia di Maranello: la Ferrari, infatti, avrebbe proposto al quattro volte campione del mondo il prolungamento del contratto di un solo anno, con una notevole riduzione dell’ingaggio.

Secondo le indiscrezioni lanciate dalla Gazzetta dello Sport, la Ferrari ha preso in considerazioni le prestazioni di Vettel in queste ultime stagioni, arrivando alla conclusione di non essere più disposta a pagare un ingaggio così pesante al pilota tedesco, arrivando ad offrirgli solamente 12 milioni di euro all’anno, circa un terzo dell’attuale ingaggio di Vettel. Non solo, quindi, c’è un problema economico tra il pilota e la scuderia, ma esiste anche un problema legato alla durata del contratto, in quanto Vettel vorrebbe firmare un biennale, mentre la Rossa sarebbe disposta ad allungare il contratto di una sola stagione, quindi soltanto per la stagione 2021.

Quindi, mentre si cerca di capire quale sarà il futuro dell’attuale stagione di F1, ci cerca di capire come finirà la vicenda tra Vettel e Ferrari. Nel caso in cui le due parti non riuscissero a trovare un accordo, la Ferrari ha già adocchiato i possibili piloti che potrebbero prendere il posto sull’autovettura del pilota tedesco. Il primo nome gradito alla scuderia di Maranello è quello di Daniel Ricciardo, pilota della Renault. Il pilota australiano fu vicino alla Rossa prima di approdare alla scuderia di Enstone e sicuramente sarebbe disposto a lasciarla, per approdare a Maranello, una scuderia certamente più ambiziosa di quella della Renault. In caso di partenza di Ricciardo, la Renault avrebbe già individuato il sostituto, uno dei giovani dell’Academy, il danese classe 2001, Christian Lundgaard.

Tra i possibili candidati a sostituire Vettel in Ferrari, c’è anche un nome conosciuto nell’ambiente della Rossa, stiamo parlando di Fernando Alonso. Il pilota spagnolo, attualmente senza scuderia, si sarebbe proposto ai vertici della Ferrari per sostituire l’ex Red Bull. Per Fernando Alonso si tratterebbe di un ritorno alla Ferrari, con la quale ha gareggiato per ben cinque stagioni, dal 2010 al 2014.

Soltanto pochi mesi fa, il pilota spagnolo aveva dichiarato impossibile un suo ritorno in Ferrari, cosa che però, ora, sembra cambiata, nonostante le due parti non si siano lasciate benissimo nel 2014. Dopo l’esperienza alla guida della monoposto del Cavallino, Alonso è stato ingaggiato dalla McLaren e al termine 2018, la stessa scuderia ha annunciato che Alonso non avrebbe più fatto parte del team piloti, ma sarebbe rimasto come collaudatore. Lo sappiamo, Alonso ha la corsa e competitività nelle vene, riuscendo a conquistare la 24 Ore di Le Mans 2018 e 2019, nonché la 24 Ore di Daytona, sempre nel 2019. Adesso sembrerebbe esserci una possibilità di rivederlo gareggiare in F1, magari alla guida della monoposto Ferrari e chissà se riuscirà ad essere competitivo come un tempo, Vettel permettendo.

  •   
  •  
  •  
  •