Fabio Cannavaro:«Un giorno spero di allenare il Napoli».

Pubblicato il autore: Mattia Ala Segui

L’ex capitano della Nazionale Fabio Cannavaro si racconta in un’intervista a Sportmediaset. Vediamo cosa ha dichiarato:«Italiani state a casa perchè manca poco. Sono consapevole che è dura, che in tanti soffrono, ma è l’unica soluzione per sconfiggere il virus. Assieme ai campioni del mondo abbiamo fatto una raccolta fondi, invece con l’associazione mia, di mio fratello Paolo e Ciro Ferrara, abbiamo raccolto e venduto una serie di maglie storiche di calciatori campani che hanno giocato ad alto livello». Cannavaro prosegue:«In A mi piacciono molto Bernardeschi, Insigne e Immobile. Sarri lo ritengo un allenatore di grandissimo livello, sicuramente sta faticando più del dovuto nel trasmettere le sue idee alla squadra e questo condiziona il gioco, però le sue  qualità non si discutono. Il Milan ha sbagliato con Rino Gattuso, non è stato capito. Lo ritengo un tecnico preparato, ti da fiducia e fa giocare bene le sue squadre, merita la fiducia del Napoli. Mi piacerebbe tanto vedere Messi in un campionato diverso, come la Serie A». L’ex difensore partenopeo conclude in merito al suo futuro, che lui sogna all’ombra del Vesuvio:«Ho iniziato ad allenare da 5 anni e sogno di arrivare un giorno in un grande club, il Napoli è fra questi… Napoli mi è sempre mancata, sono andato via a 21 anni ma ci sono sempre rimasto affezionato. Ho vissuto in tante città del mondo, ma resterò a vivere in Campania. Da piccolo sognavo di diventare un simbolo della squadra. Ho avuto la fortuna di avere i migliori allenatori degli ultimi 50 anni e da loro ho preso qualcosa. Spero di farmi trovare pronto il giorno in cui deciderò di tornare in Europa».

  •   
  •  
  •  
  •