Far Oer: 9 maggio, fischio di inizio per il campionato di calcio

Pubblicato il autore: Fosco Taccini Segui

Il tormentone più in voga in queste settimane ‘giocare sì, giocare no’ ha trovato un primo finale. Infatti, a partire dal 9 maggio torneranno a scendere in campo le dieci squadre del Meistaradeildin (la Divisione dei Maesri). L’inizio della massima serie delle isole Far Oer, comunque, ha avuto uno slittamento di 2 mesi a causa della grave pandemia da nuovo Coronavirus. Solitamente, infatti, il campionato delle Far Oer inizia a marzo. Queste isole, che si trovano a 1.400 chilometri a nord della Danimarca, sono l’unico Paese d’Europa che, stando ai dati attuali, non ha fatto registrare decessi a causa del virus Covid-19. Sono stati registrati, inoltre, solo 187 casi di contagio. Questi dati positivi probabilmente sono dovuti alla bassa densità abitativa (37 persone per chilometro quadrato).
Le 10 squadre della divisione dei Maestri disputeranno le loro partite in 27 turni, fino alla conclusione del campionato che è prevista all’inizio di novembre.
I 10 club contano un totale di trenta giocatori stranieri. Tra questi giocatori c’è anche un italiano: Sebastian Avanzini, italo-danese di 25 anni, arrivato nelle Far Oer a gennaio dalla squadra danese Horsens. Avanzini ha dichiarato di tifare Hellas Verona – squadra dove sogna di giocare – e che il suo giocatore preferito e Ronaldo.
Il protocollo di sicurezza del campionato prevede: borracce personalizzate, divieto di sputare per terra, divieto di pulirsi il naso e divieto di stringere la mano prima e alla fine delle partite.
I tanti tifosi azzurri ricorderanno la sfida con le Far Oer del 2007 – per la qualificazioni europee – in cui la nazionale italiana riuscì a portare a casa una vittoria sia all’andata (2-1) che al ritorno (3-1).

  •   
  •  
  •  
  •