Juventus, oggi il 115° anniversario del primo scudetto

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Il 9 Aprile non è un giorno come gli altri per i tifosi e il club bianconero. E’ il giorno in cui, 115 anni fa, la Juventus vinceva il suo primo scudetto o meglio, come veniva chiamato all’epoca, la sua prima “Targa Federale“. La società nacque nel 1897 con il nome Sport-Club Juventus e tra anni più tardi, con il nome Foot-ball club Juventus, si iscrisse al suo primo campionato di calcio. Il club bianconero era guidato dallo svizzero Alfred Dick, che lasciò, insieme ad altri dissidenti, l’anno successivo alla vittoria del primo campionato a causa di accese discussioni con lo spogliatoio. Lo svizzero si unì alla Torinese per dar vita a quello che sarebbe diventato il Torino, portando alla formazione del Derby della Mole.

La squadra di quell’annata vincente era composta dai bomber Domenico Donna e Luigi Forlano, che in molti non conosceranno, ma che sono entrati nella leggenda per aver firmato il primo capitolo dei tanti successi della Juventus.
Il torneo del 1905 fu l’ottavo campionato di calcio organizzato dalla Federazione italiana football(FIF) e prevedeva una novitò, ovvero vedeva la partecipazione dell’Uninone Milanese, che al suo interno vantava al proprio interno giocatori della Mediolanum. Squadra che poi si sarebbe fusa con l’Inter in epoca fascista. Le partecipanti all’edizione del 1905 di fatto furono cinque: la Torinese rinunciò a disputare il match contro la Juventus, spianando la strada per il primo titolo bianconero, che passarono il turno con ben due 3-0 per rinuncia.

Dopo due anni in cui la vittoria veniva solo sfiorata, la Juventus riuscì a vincere il suo primo campionato italiano, grazie anche alla complicità dell’Unione milanese (la futura Inter) che fermò il Genoa, campione in carica, con un pareggio per 2-2, permettendo alla squadra di Alfred Dick di trionfare senza giocare.
Da quest’anno comincia il mito della Juventus che tutt’ora continua ad incantare milioni di tifosi in tutto il mondo. La storia poi la conosciamo, la Juventus aspetterà venti anni per vincere il secondo scudetto, arrivato sotto l’era Agnelli, in particolar modo da Edoardo, nonno di Andrea, colui che portò la Juventus nel famoso quinquennio d’oro, cinque trionfi di fila dal 1931 al 1935.

Il club ha visto alternarsi grandissime formazioni che l’hanno portato alla vittoria, basti pensare a Sivori, Charles, Boniperti negli anni ’50, Bettega e Anastasi negli anni ’70. a cui successivamente si sarebbero uniti i campioni del mondiale del ’82, come Zoff, Scirea, Cabrini, guidati da Trapattoni. Per poi passare alle imprese di Platini e il doppio ciclo firmato Lippi, la rinascita post-Calciopoli con Antonio Conte e la definitiva consacrazione di Andrea Agnelli alla guida del club con più scudetti in Italia. Tutto questo, grazie a chi, 115 anni fa, ha permesso alla Juventus di salire per la prima volta sul tetto d’Italia.

  •   
  •  
  •  
  •