Stramaccioni-Iran, parla l’agente Federico Pastorello

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Nelle ultime ore è circolata la voce che vedrebbe l’allenatore Andrea Stramaccioni in trattativa con la Federazione Iraniana per diventare il nuovo commissario tecnico dell’Iran. Il tecnico ex Inter ha già allenato in Iran: molto convincente la sua esperienza all’Esteghlal, conclusasi lo scorso dicembre a causa di divergenze con la società, dimissioni che hanno scatenato le feroci proteste dei tifosi nei confronti del presidente iraniano. Ora, la proposta per Stramaccioni è una di quelle che può svoltarti la carriera: la panchina di una nazionale dà la possibilità di mettersi in mostra nel palcoscenico mondiale.
Nel frattempo, sulla panchina iraniana si trova il serbo Dragan Skocic, il CT che avrebbe dovuto guidare l’Iran negli ultimi due delicati incontri di qualificazione al prossimo Mondiale contro Hong Kong e Cambogia. Le due gare erano in programma a fine marzo ma, naturalmente, sono state rinviate a data da destinarsi a causa dell’emergenza Coronavirus: per Skocic, queste due sfide saranno fondamentali per restare sulla panchina dell’Iran. Oppure no? E già, perché molti giocatori della nazionale hanno già giocato con Stramaccioni all’Esteghlal e il 3-4-3 dell’allenatore romano è piaciuto a tutti: i calciatori stanno pressando la Federazione per avere Stramaccioni come allenatore da subito, senza aspettare le due gare contro Hong Kong e Cambogia.
Ecco allora che sono arrivate le dichiarazioni dell’agente di Stramaccioni, Federico Pastorello, che ha voluto chiarire la posizione del suo assistito: Pastorello non ha né smentito queste voci, né confermato nulla, ma ha solamente voluto esprimere rispetto nei confronti dell’attuale commissario tecnico dell’Iran, Dragan Skocic.
Leggiamo insieme le sue parole.

Stramaccioni-Iran, dichiarazioni Federico Pastorello

In relazione alle notizie apparse in questi giorni sui media internazionali, relative a presunti contatti tra la nostra agenzia e la Federazione Iraniana, a nome di Mister Stramaccioni – che rinnova il suo profondo affetto verso il popolo iraniano, al quale sarà sempre legato – desidero esprimere il massimo rispetto per il lavoro e il ruolo dell’attuale commissario tecnico dell’Iran, al quale Andrea augura le migliori fortune per il raggiungimento degli obiettivi sportivi della nazionale”.

 

  •   
  •  
  •  
  •