Vincenzo Spadafora: “Io fossi nei presidenti delle società di calcio penserei alla prossima stagione”

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Il futuro prossimo del campionato italiano si fa sempre più nebuloso, almeno questo si è dedotto dalle parole del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora che durante la trasmissione televisiva “Omnibus” su La7 che tra le righe ha fatto capire che il campionato presumibilmente ripartirà a settembre come hanno deciso nei giorni scorsi anche le federazioni calcistiche olandese e francese,  di seguito le sue parole a riguardo.

Vincenzo Spadafora, l’intervista

Oggi e domani audizioni fra Figc e la Cts, il comitato tecnico scientifico, sul protocollo medico. Il protocollo della FIGC non era sufficiente, ecco perché non abbiamo consentito subito gli allenamenti, il 4 maggio. Ma io vedo un sentiero molto stretto per la ripresa del campionato. C’è incertezza ma l’alternativa all’incertezza è far seguire anche all’Italia la stessa strada di altre Paesi. Io fossi nei presidenti delle società di calcio mi preoccuperei di una ripresa sicura: consiglio al calcio un piano B. Nei prossimi giorni potremmo avere una sorpresa, visto che la Lega si riunisce di nuovo: la maggioranza dei presidenti di Serie A potrebbe chiederci di sospendere tutto. Io fossi al posto loro penserei alla prossima stagione, inutile che i presidenti scrivano al presidente Conte, pressioni inutili, il governo deciderà insieme“.

  •   
  •  
  •  
  •