Bonaventura-Atalanta, tramonta il ritorno a Bergamo: idee chiare e nessun rimpianto

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Bonaventura e il suo ritorno all’Atalanta. Per diverse settimane è stato uno degli argomenti più discussi sui social: una voce di un possibile ricongiungimento spezzata da tutti  i parametri che contraddistinguono un vero e proprio calciomercato. Dalla possibilità concreta di attuare la trattativa all’allontanamento dell’ex numero 10 nerazzurro, fino ad arrivare alle alte pretese di Mino Raiola: non coerenti per quelle che sono le gerarchie della società di Antonio Percassi. Occasione sprecata? Per i nerazzurri non deve essere un rimpianto, ma bensì il rimarcare la linea progettuale di una squadra che sta crescendo anno dopo anno (senza esagerare nelle spese).

BONAVENTURA ALL’ATALANTA? SOLO A CERTI PARAMETRI – Che Jack Bonaventura fosse intenzionato a ritornare a Bergamo era un dato di fatto: stessa cosa per quanto concerne l’interesse dell’Atalanta stessa nei confronti del ragazzo. I nerazzurri hanno messo le mani avanti in termini di ingaggio e ruolo, ma le richieste erano troppo alte: 3 milioni per portarlo alla propria corte. La dirigenza ha deciso di lasciar perdere non riuscendo a trovare neanche un minimo di compromesso economico, da contare che ora come ora in pole position c’è la Roma. L’opportunità era buona in termini tattici, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo tutta una serie di postille: specialmente per una voce che non si sarebbe mai trasformata in realtà.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: