Del Piero: “Con Zidane cinque anni meravigliosi. Trezeguet? Eravamo molto compatibili”

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

L’ex campione della Juventus Alessandro Del Piero nel corso di una diretta “Instagram” con il comico e super tifoso bianconero Ezio Greggio, ha parlato del rapporto con due grandi ex compagni di squadra ovvero i francesi Davide Trezeguet e Zinedine Zidane, senza dimenticare dei calci di rigore nel Mondiale 2006 contro i transalpini che diedero la vittoria agli azzurri di mister Marcello Lippi.

Del Piero, le sue parole

TREZEGUET: “Ci siamo trovati, ci siamo frequentati anche fuori dal campo. Abbiamo un rapporto fantastico tuttora, Eravamo molto compatibili, avendo caratteristiche molto diverse“.

ZIDANE: “Sono stati cinque anni meravigliosi, dove abbiamo vinto tanto, anche se forse potevamo vincere ancora di più. È un ragazzo taciturno, molto umile e si è inserito molto bene nel nostro gruppo. Ha avuto un momento di difficoltà all’inizio ma poi ha dimostrato quello che era. Penso che con la Juve lui sia ulteriormente cresciuto. Le qualità già ce l’aveva, però è cresciuto sotto molti aspetti“.

RIGORI MONDIALE 2006: “Ti vengono in mente mille pensieri. Segui i tuoi compagni, tiri giù tutte le preghiere che puoi. Quando tirano gli altri dici: ‘Speriamo che sbaglino, vai Gigi para. Poi ti viene l’ansia, speri che quello prima di te sbagli perché ti toglie responsabilità.  Quella camminata è devastante, ti gira nella testa tutto. Ti passa il destino della tua squadra. Ad un certo punto mi sono detto: ‘Dai su, ma quante persone la staranno vedendo? Poi mica se la prendono se sbaglio un rigore. Mi è venuto questo in mente. Quando ho preso il pallone ho detto: ‘Ho aspettato questo momento tutta la vita’. Ho scelto all’ultimo dove calciarlo, durante la rincorsa. Siamo stati perfetti dal dischetto”.

  •   
  •  
  •  
  •