Florian Wirtz: ecco chi è il 2003 che ha stupito tutti!

Pubblicato il autore: manuel Segui

FLORIAN WIRTZ, IL 2003 CHE HA STREGATO TUTTI
Il match del lunedi sera in Bundesliga ci ha fornito molti spunti: in un Leverkusen dominante a Brema, ha brillato la stella del classe 2003 Wirtz, all’esordio con la maglia del club. Chi è Florian?

LE GIOVANILI
Nasce a Brauweiler nel distretto del Pullheim, nord-ovest della Germania. Dal 2010 si trasferisce nelle giovanili del Colonia, il più grande centro calcistico nei dintorni.
Florian passa 10 lunghi con i Geissbocke ( i caproni ), nei quali svolge tutte le trafila delle giovanili sino all’esordio nella Bundesliga U19 nel 2019.
Wirtz trascina il Colonia con prestazioni sontuose, mettendo a referto nella prima metà di stagione 10 centri e 8 assist.
Il ragazzo è superiore rispetto ai coetanei e si mette subito in luce, tanto che il Bayer Leverkusen lo acquista nel mese di Gennaio.
Prima di approdare nelle aspirine, il suo profilo era stato sondato da Bayern Monaco e Liverpool, con i Reds che fino all’ultimo avevano provato a strappare il si del calciatore.
Tuttavia, anche per motivi logistici dovuti alla vicinanza a casa, Florian ha optato per rimanere in patria.
Nell’ u19 con le aspirine realizza 2 reti e 3 assist in 4 apparizioni prima dello stop per cause di forza maggiore.
Nel frattempo diventa caposaldo della Germania u17 nella quale disputa cinque apparizioni senza trovare la via del goal.

Leggi anche:  Florenzi nel mirino della Juventus: i bianconeri provano il colpo

L’ESORDIO
Ieri sera ecco arrivare la sorpresa: nelle probabili formazioni non vi è il suo nome, ma Bosz spiazza tutti e lo fa esordire dal primo minuto.
Un dato importante: in termini di precocità ha battuto di 7 mesi Kai Havertz, ad oggi il pilastro del Bayer Leverkusen, al quale è stato paragonato dai media.
Il giovanissimo tedesco, il terzo più precoce ad esordire in Bundesliga all’età di 17 anni e 15 giorni, disputa 62 minuti più che sufficienti nei quali dimostra personalità e giocate pregevoli.
Trascinato da una squadra in stato di grazia partecipa all’azione e prova qualche giocata individuale, fino al cambio con il più esperto Bellarabi.
Nel frangente migliore della sfida, a inizio ripresa, ha dato il via a manovre corali molto interessanti, accentrandosi proprio come nelle giovanili.

Leggi anche:  Dove vedere Colombia-Venezuela, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

CARATTERISTICHE TECNICHE
Il teutonico è un calciatore polivalente poiché riesce a giocare sia come ala sinistra( ruolo ricoperto contro il Werder Brema) e sulla trequarti.
Nel perfetto paragone con Kai gli riesce un po’ tutto, è un profilo completo che ha tutte le carte in regola per esplodere.
Il suo punto forte è la capacità negli inserimenti ed i timing con i quali li esegue: nella Juniores Bundesliga grazie a questa caratteristica ha sorpreso molteplici avversari e creato palle goal.
Tecnicamente è assai dotato poiché abile nel controllo palla e soprattutto possiede una visione di gioco che pochi hanno.
Non è velocissimo palla al piede, tuttavia compensa con l’agilità e un fisico possente, molto sviluppato per la sua età.
Ha una conclusione potente e precisa, anche se questo è passato più inosservato, poiché preferisce creare gioco e offrire palle goal.
Dal punto di vista caratteriale è un leader carismatico dotato di grande personalità ed intesa con i compagni dentro e fuori dal terreno di gioco.
Può migliorare con il piede debole ovvero il sinistro, con il quale ha poca affinità, e tende ad utilizzare meno.

  •   
  •  
  •  
  •