Germania: Dynamo Dresda in quarantena, stop al calcio?

Pubblicato il autore: Giacomo Morandin Segui


La Germania a soli 6 giorni dalla ripartenza dei campionati di Bundesliga e Zweite Liga (serie B), ripiomba nella paura: ieri la Dynamo Dresda, in 18esima posizione nella Zweite Liga con 24 punti, ha annunciato che dalle analisi dei tamponi effettuati a giocatori e staff, due giocatori sono risultati positivi asintomatici di cui uno recidivo.
Risultato? Per l’autorità sanitaria di Dresda l’intera squadra dovrà stare in quarantena per due settimane.

LA SITUAZIONE
La Dynamo Dresda aveva in programma domenica 16 maggio una partita molto delicata contro l’Hannover, ma il match sarà rinviato a data da destinarsi.
Il DS della Dynamo Ralf Minge, intervistato dalla Bild, non lascia margini di dialogo: “Siamo in contatto con l’autorità sanitaria e con la DFL per collaborare e prendere le giuste decisioni. Non potremo sicuramente allenarci o giocare per 14 giorni, questo è certo”.

E’ intervenuto in diretta sul canale ZDF, il presidente della DFL Christian Seifert: “Il campionato non si ferma. Al momento su 81 partite in programma, solo le due della Dynamo Dresda non verrebbero giocate. Vedremo passo passo come affrontare la questione”. Seifert rimane convinto anche sull’obiettivo di portare a termine la stagione: “Stiamo solo modificando i piani. L’obiettivo è di terminare la stagione“.
Il 3 maggio la Dynamo aveva trovato un giocatore positivo da Covid-19 ed era stato mandato in quarantena come previsto dal protocollo di sicurezza della federazione tedesca. Nella seconda serie di tamponi, tutti erano risultati negativi.
La terza tranche, cominciata venerdì ha subito riscontrato una doppia positività, mettendo un nuovo punto interrogativo sull’annuncio della cancelliera Angela Merkel di ricominciare il campionato.

La Bundesliga attualmente pare non risentire particolarmente le nuove polemiche che si sono succedute dopo l’annuncio del club della Sassonia: le squadre stanno continuando ad allenarsi e la programmazione delle gare è già stata stilata.
Una piccola voce fuori dal coro è del DS del Lipsia Markus Krösche, che rispetta le paure dei giocatori: “Siamo consci che alcuni giocatori possano avere dei timori a ricominciare a giocare le partite e bisogna rispettarli. Abbiamo parlato sia con i nostri dirigenti che con i nostri giocatori appena abbiamo avuto il via libera per allenarci a gruppi, siamo pronti ad ascoltare le loro eventuali preoccupazioni, che capiamo perfettamente”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: