Juventus-Lione, Aulas non ci sta: “E’ uno scandalo, ci presenteremo a Torino con la testa mozzata”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Il campionato italiano di Serie A riprenderà tra il 13 e il 20 giugno e le squadre avranno quindi modo di prepararsi al meglio per la fase finale di Champions League, in programma ad agosto. Discorso totalmente differente la Ligue 1. Il campionato francese si è concluso in anticipo con il titolo andato al PSG di Tuchel. Ciò non garantirà alle squadre francesi di arrivare preparate a dovere per gli impegni europei e il presidente del Lione, Aulas, non ci sta.

Il Lione dovrà affrontare la Juventus nell’ottavo di finale di ritorno in Champions League, dopo la vittoria per 1-0 nel match d’andata. Una partita cruciale e importantissima per la squadra di Garcia. Aulas ha rilasciato delle dichiarazioni polemiche in merito alla questione durante un’intervista a L’Equipe:

”Ci presenteremo a Torino con entrambi i piedi legati e la testa mozzata. Loro avranno ripreso a giocare da fine giugno. I protocolli sanitari sono strumenti oramai standard. L’Uefa è arrivata perfino al pugno di preparare un protocollo, ma in Francia non è stato nemmeno guardato. E’ uno scandalo”. 

 

Soluzioni sbagliate secondo Aulas

Al presidente non sono piaciute le soluzioni adottate in Francia per quanto concerne il calcio: “Paradossale che un Paese più colpito dal Covid-19 come la Spagna abbia trovato risposte per ripartire mentre la Francia no. I nostri leader hanno partecipato all’assemblea delle Federazioni e invece hanno trovato risposte diverse: siamo davvero degli idioti. La Uefa aveva chiesto pazienza, è arrivata persino a rilasciare un protocollo sanitario che la Francia non ha nemmeno guardato. Questo è uno scandalo assoluto”. 

  •   
  •  
  •  
  •