Lecce, Giulio Donati:«Innamorato di Lecce, appena ho potuto sono tornato subito».

Pubblicato il autore: Mattia Ala Segui

Il terzino del Lecce Giulio Donati è stato ospite, in diretta Instagram, di Dario Sanghez sul profilo ufficiale del club salentino. Ecco cosa ha dichiarato:«Siamo pronti per ricominciare, e positivi che si possa farlo nel migliore dei modi. Sia per la quotidianità che per quanto concerne lo sport. Di sicuro l’aspetto mentale sarà fondamentale alla ripresa. Noi non abbiamo mai mollato e ciò è stato importante, perchè qualora arrivasse la buona notizia dobbiamo farci trovare pronti per la fase clou del campionato. Abbiamo sempre lavorato a distanza, monitorati a distanza dal nostro preparatore. Dobbiamo fare bene sia dal punto di vista tattico che mentale». Il calciatore nativo di Pietrasanta prosegue:«Appena c’è stata  l’occasione di tornare a Lecce l’ho colta subito al volo. Quando ci arrivai ero giovanissimo, alle prime armi, ero molto coccolato e sono stato accolto alla grande. Ho imparato tantissimo, mi sono innamorato di questa piazza e abbiamo conquistato una salvezza indimenticabile. Quest’anno sto trovando solo conferme di quella bellissima esperienza. Mi piace essere apprezzato come lottatore dai tifosi. Sono uno che da tutto in campo, e so che in una squadra piccola non puoi gestirti, ma devi sempre andare a mille. Se vuoi lottare per la salvezza quello è l’unico modo. Per ora penso a giocare per conquistare la salvezza con la maglia del Lecce, facendo il massimo giorno dopo giorno. Poi se dovesse arrivare l’opportunità della Nazionale sarei molto felice». Donati conclude:«Le esperienze all’estero mi hanno aiutato molto, soprattutto sul piano offensivo. Quando andai via dall’Italia ero abituato solo ad un ruolo, quello del terzino che aveva prettamente compiti difensivi. In Germania ero molto più libero dalla tattica, col risultato di guadagnare qualcosa in avanti. Ora sono un giocatore completo, e ascolto mister Liverani per crescere ancora di più».

  •   
  •  
  •  
  •