Lo sport in cifre: il governo al lavoro per il rilancio

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Oramai sembra sempre più vicina la ripartenza, del 25 maggio, dello sport dopo l’ improvvisa e terribile crisi sanitaria a causa del coronavirus, che ha tenuto blindato in casa il mondo intero.

Attualmente la cifra investita per lo sport ammonta a un miliardo di euro.

“Il rilancio”

Il ministro Spadafora annuncia che il governo ha già  stanziato mezzo miliardo di euro per far riavviare lo sport a cui si aggiungono risorse ordinarie che sono destinate alla sua ripresa  e mai era successo prima nella storia che simili risorse economiche fossero state utilizzate per questo settore e infine, auspica che in sede di riconversione del decreto rilancio,  la maggioranza  aggiunga ulteriori finanziamenti.

Spadafora ritiene che durante questa crisi della pandemia sono emersi dei problemi rilevanti per tutto il settore  a cui va trovata presto una soluzione.

Leggi anche:  Italia-Galles: quella volta che...i precedenti

Aggiunge di aver consultato molte associazioni sportive, federazioni, enti di promozione sportiva, società  dilettantistiche, prendendo a cuore tutti i problemi e le esigenze di questi micro universi.

Il ministro rassicura interventi per il costo delle strutture e per sostenere economicamente i lavoratori con sussidi e si scusa per i ritardi dell’ erogazione  alle 45.000 persone circa che devono ancora riceverli e promette che si sta mobilitando per sollecitare gli aiuti.

Il decreto rilancio nell’ art 217, ha previsto la creazione di un fondo per il rilancio dello sport.
Sono risorse che entreranno a far parte del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e verranno poi consegnate all’ufficio per lo sport e destinate alla ripartenza di questo settore.

“Il fondo per lo sport creato con le scommesse”

Il fondo sarà  costituito attraverso le scommesse sportive di ogni specie e la quota,che sale a  0,5%, è  stata approvata nella Gazzetta Ufficiale.

Tutto questo accadrà  per il biennio 2020 e 2021 e si prevede comunque che le quote di prelievo non superino nel 2020 il tetto massimo di 40 milioni e 50 milioni nel 2021.

Leggi anche:  Mourinho chiama Sergio Ramos, la Roma tenta il colpo

Dal momento che la maggior parte dei soldi provengono dalle scommesse,  come saranno ripartiti?
Per questa risposta dobbiamo aspettare il decreto attuativo di fine maggio.

Per le ultime novità  il ministro Spadafora sarà  ospite della trasmissione televisiva ” La vita in diretta” su RAI  1 a partire dalle 17 10. di oggi.

  •   
  •  
  •  
  •