Maxi Lopez e le sue considerazioni sulla ripresa

Pubblicato il autore: Alessandro Morana Segui

Ogni nazione in queste ore sta cercando di dare una propria soluzione al problema del calcio giocato. Ci sono Nazioni in cui il dialogo tra Governo e società calcistiche sta andando molto bene, come in Francia e in altri stati dell’Europa Centrale. Qui in Italia, invece, è una lotta continua tra federazioni calcistiche, che reclamano allenamenti a porte chiuse e la possibilità di poter rigiocare nei campi e finire il campionato, e il Governo, incarnato dal ministro dello sport Spadafora. Sono settimane che il Ministro dello sport e i più importanti presidenti del calcio italiano, in primis Claudio Lotito discutono su come il mondo del calcio potrebbe continuare durante la fatidica fase 2.
Le domande e le risposte provocatorie tra il Ministro e tutto il mondo de calcio sono state davvero tanto, senza ancora avere una risposta certa. Da questa incertezza molti giocatori hanno iniziato a creare delle ipotesi, come l’ex giocatore Maxi Lopez. Tra chi ritiene che il campionato non potrebbe mai ricominciare e chi ancora cerca una speranza in una possibile ripresa come il bomber della Lazio Ciro Immobile. Ancora il giorno della possibile risposta definitiva, su come si concluderanno i vari campionati giocati in Italia, non è stato trovata, creando molta disperazione soprattutto alle piccole realtà calcistiche, che hanno una paura tremenda di non poter più ricominciare a giocare.

Leggi anche:  Sarri ancora non rescinde con la Juventus: ecco perché

Le considerazioni di Maxi Lopez sulla ripresa

 “In Italia non si può fare come in Francia, qui Lotito, il patron della Lazio, ha anche un ruolo chiave in Figc. Dovranno intervenire Uefa o Fifa”, le parole dell’ex attaccante di Milan, Torino e Samp. 

Il calciatore, che per molti anni ha militato in campionati italiani, non ritiene completamente possibile una fine come accaduta in Francia e lo ha dichiarato ai microfoni di Tyc Sports; infatti Il Governo insieme alla Ligue 1 hanno stabilito di dare la vittoria, in base alla classifica, del campionato al PSG senza riprendere, almeno per questo anno, il campionato più importante della Francia. Per il giocatore ex Milan questa via non potrebbe essere completamente seguita in Italia perché si andrebbe a creare una confusione totale tra ricorsi e guerre, soprattutto di Claudio Lotito, che questo anno sperava di agguantare il tanto sognato scudetto con la sua Lazio. Molti scettici comunque ritengono che il Governo Italiano (con maggioranza Pd e Movimento 5 Stelle) starebbe optando per una scelta come avvenuta in Francia per sventare un possibile pericolo di nuovo aumento dei contagi in questi terribili mesi. Ai microfoni,  Lopez continua con una dichiarazione abbastanza forte:”se in Italia fanno quel che hanno fatto in Francia succede una guerra mondiale”.
Con queste parole l’ex marito di Wanda Nara vuole spiegare al meglio i profondi ed evidenti contrasti che ci sono tra le più grandi società di calcio italiane. Infine per dare una spiegazione delle sue precedenti considerazioni Lopez conclude dicendo:”Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, è il presidente della Federcalcio (fa parte in realtà del Comitato di presidenza,). Per lui già un mese fa si poteva giocare. Qui un’entità più importante come la UEFA o la FIFA dovrà prendere una decisione”. Chissà se l’ex Samp avrà avuto ragione.

Leggi anche:  San Paolo acceso tutta la notte in memoria di Diego Maradona

 

  •   
  •  
  •  
  •