Roma, fratello di Pastore vìola quarantena: arresto e rilascio

Pubblicato il autore: Paolo Russo Segui

Aleksandar Kolarov of AS Roma celebrates with team mates after scoring the goal of 0-1 Roma 01-09-2019 Stadio Olimpico Football Serie A 2019/2020 SS Lazio – AS Roma Photo Andrea Staccioli / Insidefoto/Sipa USA

Secondo il portale argentino “El Diario de Carlos Paz”, Juan Manuel Pastore, fratello del centrocampista della Roma Javier Pastore, sarebbe finito nei guai dopo aver violato la quarantena in Argentina.

Il fratello di Pastore vìola la quarantena e viene arrestato

Guai per il fratello di Javier Pastore, centrocampista della Roma in passato in forze anche a Palermo e Paris Saint-Germain. Il fratello del giallorosso, Juan Manuel Pastore, sarebbe stato tratto in arresto dopo aver violato la quarantena imposta dal Governo dell’Argentina. Ciò sarebbe accaduto nel pomeriggio di giovedì 30 aprile a Cordoba. Il fratello ventisettenne di Pastore era alla guida della sua auto quando è stato fermato per un posto di blocco: a differenza della sorella Lorena, seduta in auto affianco a lui, Juan Manuel non aveva il permesso di circolazione e così sarebbe stato portato alla centrale di Polizia di Carlos Paz, dove è stato trattenuto per circa un paio di ore, fino a sera, quando è stato poi rilasciato dalle forze dell’ordine argentine.

Javier Pastore sugli allenamenti di squadra

Dopo l’invito a tornare a giocare di Lorenzo Pellegrini, Javier Pastore ha fatto un appello per tornare ad allenarsi: “Sappiamo che a Trigoria è stato fatto tutto per garantire la nostra sicurezza. Assurdo, perché possiamo correre nel parco, ma noi non abbiamo bisogno del parco o di una strada. Abbiamo bisogno di correre su un campo buono. Gli altri sport individuali possono farlo e noi no? Possiamo dividere i tempi e dividerci per allenarci. Assurdo che dobbiamo ancora aspettare due settimane.”

  •   
  •  
  •  
  •