Serie C: Casertana, club deferito per non aver pagato gli stipendi

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

La crisi economica dovuta al Coronavirus mina la sopravvivenza dei club dilettantistici, ma anche nel professionismo i problemi non sono da poco. In attesa di una ripresa dei campionati, il tribunale della FIGC ha deferito la Casertana e il legale rappresentante del club, Pietro Valori. La decisione nei confronti del club campano è arrivata per via del mancato pagamento degli stipendi dei propri tesserati, lavoratori, dipendenti e collaboratori. Il club dovrà rispondere di responsabilità diretta e responsabilità propria. Il provvedimento è arrivato dopo una segnalazione del CO.VI.SO.C al procuratore federale.

Nell’occhio del ciclone ci sarebbe Pietro Valori. Il procuratore speciale e legale rappresentante pro-tempore della società, il quale non ha corrisposto entro il 16 marzo scorso al pagamento di tesserati e persone che lavorano per la società campana. Il tutto riguarda le mensilità di gennaio e febbraio 2020. Il deferimento di Valori riguarda la violazione di lealtà probità e correttezza, per il mancato versamento entro il 16 marzo 2020 degli stipendi relativi alla mensilità di gennaio e febbraio 2020. Valori non ha documentato alla CO.VI.SOC.V l’avvenuto pagamento. La situazione per i club di Serie C si sta facendo allarmante e urge davvero una ripresa delle ostilità per la salvezza economica dei club, così da poter evitare un fallimento.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile
Tags: