Ufficiale: sarà la Bundesliga il primo campionato europeo a ripartire

Pubblicato il autore: Daniele Conti Segui


Il calcio europeo vede la luce in fondo al tunnel e dopo oltre due mesi di stop per la pandemia di Covid-19 si prepara a ricominciare. Il primo torneo che si appresta ai blocchi di partenza è la Bundesliga che rialzarà i battenti a fine mese. La decisione si è fatta attendere e dopo vari rinvii, aspettando la stipula di un protocollo accettato dalle parti in causa, ha preso corpo nelle scorse ore.

Perché la Germania ha deciso di partire prima?

A facilitare il compito decisionale del calcio teutonico sono stati due fattori: la natura più snella della Bundes rispetto agli altri campionati, con meno giornate da dover disputare; la situazione pandemica in Germania che è attualmente migliore rispetto a tutte le altre nazioni europee. Il restart in terra tedesca era stato programmato con anticipo anche in vista della disputa degli Europei, col loro rinvio che ha permesso un’allungamento dei termini pur avendo già un piano ben strutturato da praticare.

Leggi anche:  Copa Argentina: il Talleres de Córdoba raggiunge in finale il Boca Juniors

Come si riparte?

Per ovviare alle positività che potrebbero emergere nelle prime giornate, tra preparazione e partite vere e proprie, la federcalcio tedesca ha deciso di attuare un protocollo abbastanza permissivo. Si procede con giri di tamponi periodici e, in caso di esito positivo, l’interessato verrà messo in isolamento fiduciario col resto del gruppo squadra che proseguirà le normali attività di allenamento.

Ripartire prima: rischio o prevenzione?

Considerando che le coppe europee ricominceranno il 2 agosto, oltre un mese e mezzo dopo la fine della Bundesliga, la scelta del calcio tedesco ha suscitato qualche perplessità. Va detto che la priorità dei vertici teutonici è stata quella di tenersi un buon margine in caso si dovesse procedere con dei rinvii per svariati casi di cluster all’interno delle squadre. In quest’ottica il male minore sarebbe veder arrivare le proprie squadre senza ritmo alla fase calda di Champions ed Europa League. La parola d’ordine è concludere al meglio e in fretta.

  •   
  •  
  •  
  •