Boniek: “Milik? Difficile scegliere tra Juve e Premier”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Arkajiusz Milik, attaccante polacco classe 1994 del Napoli, ancora non sa quale sarà il suo futuro. Da settimane si parla di un suo possibile addio alla squadra partenopea, con moltissime squadre su di lui, dal Milan alla Juventus, passando per numerose squadre di Premier League. Tutti sognano il bomber del Napoli che in queste ultime due stagioni è stato penalizzato da una serie di infortuni che hanno reso il suo rendimento altalenante. Attualmente con la maglia del Napoli, Milik, ha giocato 109 partite, segnano 49 reti. Sul futuro di Milik è intervenuto Zibi Boniek, presidente della Federcalcio polacca, oltre che ex calciatore  della Juventus e della Roma. Ai microfoni di Radio Kiss Kiss ha così dichiarato: “Non ho notizie perché non ho parlato direttamente con il giocatore, ma anche io ho pensato che il suo addio al Napoli sia possibile“.

Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Genoa Cagliari in tv e in streaming, Serie A 19° giornata

Tutti nell’ambiente sembrano sicuri che la storia tra Milik e il Napoli sia giunta al capolinea, e l’attaccante avrà soltanto l’imbarazzo della scelta, tra cui le squadre della Premier e la Juventus, che corteggia il giocatore da qualche settimana. A proposito di una futura destinazione, Zibi Boniek si è detto incerto: “Premier o Juventus? Sono due soluzioni difficili tra cui scegliere perché è come decidere tra due ristoranti bellissimi. In Premier è bello giocare per tanti motivi ma la Juventus è il club più organizzato al mondo insieme al Bayern Monaco“.

Nel caso in cui l’attaccante polacco decidesse di rimanere in Serie A e andare alla Juventus, incontrerebbe Maurizio Sarri, ex tecnico del Napoli, c’è da chiedersi se il polacco possa essere influenzato nella scelta dal suo ex tecnico: “Sarri potrebbe influire nella scelta? Non penso che la decisione dipenderà dall’allenatore. Un giocatore se si sente forte ed effettivamente lo è, gioca in una squadra a prescindere dal proprio tecnico” conclude l’attuale presidente della Federcalcio polacca.

  •   
  •  
  •  
  •