Dalla Spagna, sette positivi del Barcellona al Covid

Pubblicato il autore: Stefano Andrea Pozzo Segui

In attesa della ripresa delle competizioni calcistiche, in Spagna l’emittente catalana Rac1 ha rilanciato un’indiscrezione dove si parla di sette casi di positivi da Coronavirus all’interno del Barcellona.
L’11 Giugno dovrebbe ripartire la Liga, ma questa notte la notizia rilanciata dalla radio spagnola parla dell’esito dei test effettuati su giocatori e staff blaugrana il 6 Maggio scorso e che avrebbero rivelato la presenza di 7 positivi: 5 giocatori e 2 membri dello staff.
Secondo l’emittente spagnola sarebbero stati tutti asintomatici e in questo momento sarebbero guariti, anzi starebbero già lavorando ai campi del Barcellona.
Gli esiti, difatti, hanno evidenziato tracce del virus nel sangue dei tesserati, ma in questo momento sarebbero comunque negativi e potrebbero allenarsi insieme ai compagni, infatti, il club sta permettendo loro di svolgere il lavoro normalmente, senza bisogno di un ulteriore periodo di quarantena.

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile

La notizia rilanciata da Rac1 ha avuto un grande eco in Spagna, e di fatto non è stata smentita né dal Barcellona né dai calciatori, e nel caso l’indiscrezione fosse confermata, significa che il club non l’avrebbe comunicata al momento degli esiti il 6 Maggio scorso.
I ragazzi allenati da Quique Setien, comunque, non hanno subito ripercussioni da questa notizia ed infatti sono tornati ad allenarsi a ranghi completi in attesa della ripresa dei campionati.
Secondo quanto riportato da As, un’eventuale comunicazione sarebbe spettata alla Liga e non al club catalano, visto che i test sarebbero stati svolti dalla federazione in maniera autonoma.
Ma non è tutto, secondo diversi media spagnoli i 7 positivi del Barcellona farebbero parte di un gruppo di 160 persone in tutta la massima serie del campionato calcistico spagnolo e in seconda divisione che sarebbero risultati immuni al Covid-19, in quanto nel sangue sarebbero presenti gli anticorpi per avere già contratto il virus.

  •   
  •  
  •  
  •