Gasperini, che brutta figura, il Valencia non perdona le sue dichiarazioni

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

L’Atalanta, prima squadra italiana a qualificarsi per i quarti di Champions League e alla sua prima partecipazione alla massima competizione diverte in Italia ed in Europa, col suo gioco spumeggiante, sfrontato, ricco di occasioni e quasi sempre di gol realizzati. Il suo tecnico Gian Piero Gasperini, è uno degli allenatori, più innovativi del panorama calcistico nazionale, ma è caduto, purtroppo su una dichiarazione, in un periodo difficile non solo per lo sport per il mondo intero.

In questi giorni, ha rilasciato un’intervista in cui ha detto: “Ho avuto il corona virus, ho avvertito quei terribili sintomi. Ho addirittura pensato alla morte, prima della partita col Valencia.”

Qualche giorno prima, se ne uscì con una dichiarazione non proprio elegante dicendo: “Il corona virus è come la peste. Da queste parti, in Lombardia, siamo sufficientemente organizzati, pur se in difficoltà. Mi chiedo cosa potrebbe accadere a Roma o a Napoli”.  Beh, onestamente, con tutto il rispetto questa organizzazione sanitaria in Lombardia non è stata così efficiente.

Gasperini, ieri è stato bacchettato dal Valencia, che in un comunicato ha espresso: “Viste le dichiarazioni di Gasperini, il Valencia CF si dichiara sorpreso, per il fatto che l’allenatore dell’Atalanta, soffrisse di sintomi compatibili al Covid-19, mettendo a rischio la salute di molte persone.”

Non proprio un’uscita elegante quella del tecnico bergamasco, sempre a puntualizzare tutto, dal razzismo alle regole di gioco.

  •   
  •  
  •  
  •