Marotta: “Chiesa troppo caro, Tonali più abbordabile. Icardi? La cessione ci soddisfa”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

E’ un Beppe Marotta chiaro e deciso quello intervistato da La Gazzetta dello Sport. L’amministratore delegato dell’Inter ha parlato del mercato nerazzurro, ponendo uno sguardo in particolare su Federico Chiesa e Sandro Tonali. Obiettivi di mercato della società lombarda:

“Non nascondo che siano due talenti. Per Chiesa la Fiorentina ha aspettative economiche elevate, ecco perché oggi non abbiamo avviato un confronto con loro. Chiedono 70 milioni? Forse anche di più. Tonali è più abbordabile, un’operazione che si può costruire in maniera migliore. Ed è un ragazzo che è ancora in fase di crescita”. 

Oltre ai due calciatori di Fiorentina e Brescia, Marotta ha trattato i temi Lautaro Martinez e Christian Eriksen:

Lautaro? Sul suo futuro in questo momento è difficile pronunciarsi. Però a lui dico: resti concentrato sul presente, c’è una stagione che riprende, ci sono obiettivi da centrare, possiamo toglierci soddisfazioni, i giocatori devono essere protagonisti. Non c’è la volontà della proprietà di vendere Lautaro: è giovane, ha il futuro dalla sua ed è un elemento funzionale per Conte. Poi, certo, c’è una clausola. Non so cosa pensi il Barcellona, magari avranno anche delle alternative”

Eriksen è un gioiello. Un grande giocatore. Conte è il direttore d’orchestra. E’ lui che deve creare il giusto equilibrio tattico. Questi due mesi sono indicativi per conoscersi meglio: vale per il calciatore, vale anche per Conte”. 

Icardi cessione soddisfacente, su Zaniolo e Cavani…

La cessione di Mauro Icardi al PSG per 58 milioni di euro, è stata secondo Marotta un buon affare per l’Inter considerando il momento di crisi economica presente nel calcio:

Leggi anche:  Lega Pro Girone B: Mantova e Triestina non si fanno male, è 0 a 0 al Martelli

“Pochi 50 milioni più bonus per Icardi? Le operazioni di mercato vanno contestualizzate. Questa è stata definita in un periodo difficile, dal punto di vista finanziario. Inutile pensare a ieri, neppure al domani: l’accordo ci soddisfa oggi. Avevamo fatto una scelta progettuale anche tecnicamente, un anno fa, l’abbiamo rispettata ora”. Infine uno sguardo a Zaniolo e Cavani: “Zaniolo? Richiede un investimento elevatissimo, non ci sono le condizioni economiche per affrontare il discorso. Cavani è una delle opportunità, è oggetto di monitoraggio essendo un calciatore in scadenza. Ma non abbiamo approfondito la questione: in questo momento è piuttosto lontano dall’Inter”. 

  •   
  •  
  •  
  •