Nainggolan:“I tifosi della Juve? Possono dire ciò che vogliono, io coerente con me stesso”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

La stagione disputata da Radja Nainggolan tra le fila del Cagliari è stata positiva. Il Ninja è ritornato nella squadra sarda tramite la formula del prestito, dopo che Antonio Conte non lo valuto idoneo al suo progetto nell’Inter. Di Nainggolan si può dire tutto, ma non che non sia una persona schietta e limpida. La sua prima stagione nell’Inter agli ordini di Spalletti lo scorso anno, è stata condizionata dagli infortuni ma sono in tanti i tifosi nerazzurri che vorrebbero dargli un’altra possibilità.

Le poche prestazioni fornite con la maglia della società lombarda lo scorso anno non sono state negative, caratterizzate pure da gol importanti e che sono stati determinanti per la qualificazione in Champions League.
Fin dai tempi in cui il belga militava nella Roma, a Nainggolan è sempre stato imputato di essere un anti-juventino per via di alcune dichiarazioni da parte del giocatore. Ora, Radja ha voluto smentire tale insinuazione, ma precisando alcuni punti in una live su Twitch:

Leggi anche:  Dove vedere Austria-Macedonia del Nord, streaming e diretta tv in chiaro Rai Sport?

Voglio sfatare questo mito che sono contro la Juve. Io ho sempre detto che non andrei alla Juve perchè mi piacciono le sfide, non voglio mai stare con i più forti. La cosa più bella è prendere una squadra e portarla in alto. Poi ora gli juventini mi diranno che è la Juve a non volermi, ma va bene così. Ora i tifosi della Juve mi fanno anche i cori contro, ma la verità è che sono soltanto rimasto coerente con ciò che ho detto”.

Nainggolan su Conte:”Persona seria”

Conte ha dato il benservito a Nainggolan una volta arrivato all’Inter, ma il rispetto tra i due è molto alto. Il centrocampista non ha mai fatto mistero di questo e a riguardo ha dichiarato:

“Mi sarebbe piaciuto lavorare con Conte, amo le persone che parlano chiaro e lui è uno che ti dice le cose in faccia, con me è stato sempre stato trasparente sin dall’inizio”.

  •   
  •  
  •  
  •