Sconcerti duro: “È la Juventus di nessuno. Cristiano Ronaldo sembra vuoto”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

 
La Juventus gioca male e perde la finale di Coppa Italia, il giudizio di Sconcerti. I bianconeri sono finiti nel mirino delle critiche per aver buttato alle ortiche il primo obiettivo stagionale dopo la sconfitta di ieri sera ai rigori contro il Napoli, giunta al termine di una prestazione scialba e senza carattere. Nel classico editoriale tra le pagine de Il Corriere della Sera, il giornalista Mario Sconcerti ha commentato con toni molto duri la situazione in casa Juventus: “La partita è stata brutta, ma una finale è dovere di superarsi, basta non perdere e
inutile giudicarla da come è stata giocata. Va giudicata dalle conseguenze che produce. La prima è la squadra che l’ha vinta, il Napoli di Gattuso, una squadra che sembra quasi cominciare adesso. La seconda conseguenza è il rischio di Sarri. È la seconda finale che perde in stagione. Temo non sia un uomo fortunato. Ha perso scudetti nei recuperi, perde trofei ai rigori. Ma questa Juve è molto indietro, non è la sua e non è quella di nessuno. La Juve non è in condizione. Ronaldo è tornato nel suo vecchio ruolo, ma non è cambiato nulla. (…). Ronaldo è vivo ma vuoto. Dybala confuso nella ricerca di un ruolo. Ormai tutti considerano Pjanic un sopravvissuto: è bastata una mezza frase di mercato per eliminarlo dai buoni voti. Nervoso Bentancur. Modesto tra la folla Matuidi. In questi casi la differenza devono farla i grandi giocatori. Quelli della Juve non l’hanno fatta”.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan-Atalanta 0-3: super Ilicic, la Dea cala il tris a San Siro