Sneijder: “Sarei potuto diventare come Messi e CR7”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Wesley Sneijder è uno degli eroi del Triplete neroazzurro nel 2010. Il giocatore olandese, classe 1984, si è ritirato dal calcio giocato il 12 agosto 2019, all’età di 35 anni, dopo una carriera giocata sempre ad alti livelli e costellata da una moltitudine di trofeo, tra cui la UEFA Champions League e la Coppa del mondo per club con l’Inter. Sneijder ha rilasciato delle dichiarazioni esclusive ai microfoni di gianlucadimarzio.com, sostenendo che avrebbe avuto tranquillamente una carriera come Cristiano Ronaldo e Messi: “Mi sono goduto la vita, magari a cena bevevo anche qualche bicchiere. Messi e Cristiano Ronaldo invece no, hanno fatto tanti sacrifici. A me va bene cosi: la mia carriera è stata comunque strepitosa” ha affermato l’olandese.

Il gol più bello – “Il mio gol più bello? Erano i quarti di finale del Mondiale 2010, giocavamo contro il Brasile. Il calcio d’angolo è stato battuto da Robben, Kuyt la spizza e io insacco il 2-1 di testa. Quel gol valse il passaggio alle semifinali: bello, ma anche molto importante“.

Leggi anche:  Dove vedere Brasile-Colombia, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

Capitolo Eriksen – Spazio poi, durante l’intervista, alla sua vecchia squadra, ovvero l’Inter, con la quale ha vinto i suoi due unici trofei internazionali. L’olandese ha detto la sua su Conte ed Eriksen: “Conte ha una grande rosa e, con Eriksen in squadra, può finalmente provare a fare il salto di qualità. Christian ha fatto bene all’Ajax, poi al Tottenham e ora deve affermarsi in Italia. Ha tantissima qualità, con le sue caratteristiche può tranquillamente diventare uno dei leader del nuovo gruppo“.

Il futuro di Lautaro Martinez – L’Inter si trova a dover affrontare il futuro incerto di Lautaro Martinez, promesso sposo del Barcellona secondo molti. Sneijder prova a dire la sua e a consigliare dove andare a giocare: “Fortissimo, ma deve restare in Italia. Può diventare uno dei migliori, ma prima ha bisogno di vincere qualcosa con i nerazzurri. È giusto fare il salto di qualità, ma c’è un momento per fare ogni cosa. Al Barcellona potrebbe giocare. Se ha proprio voglia di andare via, spero vada al Real…“.

Leggi anche:  Sky contro l'accordo Tim-Dazn: ricorso all'Antitrust

Cavani – Se Martinez è in uscita, potrebbe arrivare Edinson Cavani, da sempre pupillo di Marotta: “Cavani è Cavani. Può segnare e fare la differenza in qualsiasi campionato. Se Marotta prendesse Edinson farebbe un colpo straordinario” dice Sneijder.

  •   
  •  
  •  
  •