Ziliani: “Il mercato? Sarà una corsa a vendere, la cessione di Icardi un affare per l’Inter”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Sarà un calciomercato con il freno tirato quello che andrà di scena nei prossimi mesi. Il Covid-19 ha stravolto il mondo degli affari per quanto concerne il calcio e la cessione da parte dell’Inter inerente Icardi al PSG, è oro colato secondo Paolo Ziliani. L’ex calciatore della Reggina ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a Il Fatto Quotidiano, dove parla della situazione attuale del nostro calcio in chiave mercato e bilanci, in risposta a una lettera dove gli si chiede della situazione mercato post Covid-19:

Icardi al PSG per 58 milioni? Un vero affare, oro colato. Di questi tempi non sarà più facile per nessuno portare a casa verte cifre. Il calcio italiano, che già aveva le pezze al culo prima del Coronavirus (2,5 miliardi di debiti a fronte di un fatturato inferiore a quello di Spagna e Germania e ridicolo se paragonato a quello dell’Inghilterra; per non parlare del trucco delle plusvalenze, 720 milioni da noi, quasi il doppio della Premier League che fattura 5,9 miliardi), oggi è alla canna del gas. La Juventus gravata da stipendi insostenibili come quello di CR7, De Ligt e Higuain, ha dovuto posticipare alla stagione prossima la corresponsione di 2,5 mensilità ai calciatori, tagliando loro una mensilità e mezzo nella stagione in corso, per poter presentare a fine giugno un bilancio drammatico si, ma non esiziale”. 

Ziliani critica l’acquisto di Rabiot da parte della Juventus

Dunque secondo Ziliani, il mercato sarà una corsa all’affare: “sarà una corsa a chi vende meglio. Anche a zero patto di trovare club disposti a farsi carico di stipendi folli come quello, restando alla Juve, corrisposto a un giocatore mediocre come Rabiot”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Carlo Pellegatti difende a spada tratta il Milan: "Non si tiene conto assolutamente che giochiamo mediamente con sei, sette assenti"