FC Barcelona – Eric Garcia, il centrale del futuro made in La Masia

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu Segui


Eric Garcia, centrale catalano di 19 anni in forza al Manchester City dal 2017, quando, ancor più ragazzino, aveva lasciato la cantera per sbarcare in Inghilterra agli ordini di Pep Guardiola, potrebbe rientrare nei piani di rafforzamento della formazione blaugrana in vista di questo prossimo mercato estivo. Il ragazzo aveva lasciato Barcelona e il Barcelona nell’ottica di una ulteriore fase di crescita, posto che la sua idea era che alla casa madre la sua progressione, e così la sua carriera, era bloccata o resa enormemente difficoltosa, compreso il suo arrivo in prima squadra. Eric dunque, nella stagione 17-18, decise di fare il grande salto, attraversare il crudele mare blu e giungere nella terra di Albione. Agli ordini di Pep Guardiola vi è giunto in questa stagione dopo il tagliando svolto nelle varie formazioni giovanili. 19-18 Under 18; 18-19 Under 23. In stagione, in prima squadra, il ragazzo ha giocato un totale di 13 incontri. 8 in Premier per un totale di 447′. 3 in EFL Cup, 1 in Champions e un’altra in FA Cup. Nelle gare di Premier giocate per intero (Sheffield Utd, Everton, Arsenal e Liverpool, quest’ultima giocata appena due giorni fa), il suo comportamento è stato eccellente, posto che la sua squadra ha subito appena una rete. In Champions il ragazzo ha giocato i 90′ contro la Dinamo Zagabria in trasferta, partita vinta con il risultato di 4-1.

Leggi anche:  Il Milan sferra l'attacco per il difensore francese

Eric Garcia, nonostante sia un destro, può giocare indifferentemente a destra e a sinistra. Tra le sue abilità c’è anche quella di svolgere il ruolo di laterale a destra. E’ gestito dalla Puyol, De la Pena & Sostres e ha il contratto in scadenza al 30 giugno 2022. Questo fatto fa sì che il Barça possa aggredire l’acquisto contando sul fatto che, con l’uscita di scena di Pep Segura e Bakero, il primo fuoriuscito dall’orizzonte barcelonista, il secondo relegato al ruolo di osservatore dei giocatori ceduti in prestito, il nuovo organigramma sta cercando di valorizzare maggiormente il lavoro della gestione della cantera, arginare l’emorragia di talenti e farne rientrare quanti più possibile alla base sulla falsariga di quanto avvenuto in passato con Piqué e Cesc Fabregas.

Il fatto che il contratto del canterano sia vicino alla scadenza permette di pensare a un suo rientro alla base già da questa estate. Al termine della prossima stagione, giugno 2021, la situazione sarebbe molto più delicata per il City, posto che a quel punto il ragazzo rischierebbe di andare via a zero. L’interessamento del Barça è molto apprezzato da Garcia e dal suo entourage. La situazione nella formazione blaurgana adesso è cambiata e si respira una aria nuova. Piqué sta diventando grande, non giocherà in eterno e necessita una alternativa sicura affinché possa riposare per essere ancora al top della condizione. Lenglet è un mancino. La candidatura di Eric Garcia a un ruolo importante in prima squadra è adesso attuale e concreta. Con lui, se davvero arrivasse in questa stagione, partirà immediatamente dietro i titolari anche Araujo. Ronald, con ingaggio da Barça B, quest’anno è stato poco utilizzato, ma ha lasciato una ottima impressione quando è stato chiamato in causa. Garcia-Araujo potrebbe costituire la coppia dei centrali del futuro del Barça. Bravi, giovani, di prospettiva e… della casa.

  •   
  •  
  •  
  •