FC Barcelona – Il Caso Griezmann esplode tra le mani di Setién

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu Segui

A Barcelona è ufficialmente esploso il “Caso Griezmann“. Il clima, già di per sé bollente della città, oggi si registrano 32° con 60% di umidità, rischia di essere irrespirabile per l’allenatore ex Betis Quique Setién. L’ingresso in campo del campione francese al 90′ in una gara da vincere sì o sì è stata la classica gota que colma el vaso. Non solo, ma l’entrenador ha ulteriormente riscaldato gli animi nel dopo gara con delle dichiarazioni che non lasciano spazio a seconde intenzioni. “Riqui stava giocando bene, Suárez devi cercare di tenerlo sempre in campo, Leo ugualmente e non era facile trovargli (Griezmann n.d.r.) un posto senza destabilizzare la squadra”. Questa la spiegazione di Quique Setién in merito alla ragione per la quale Griezmann è entrato in campo solo al 90′. Dichiarazioni alquanto pretestuose che lasciano in sospeso una serie infinita di quesiti tattici e non. Perché mai, allora, mandare in campo Ansu all’88’? Anche lui sconvolge la squadra tatticamente?
Per il momento limitiamoci a registrare le parole dell’attuale tecnico blaugrana. Ci sarà spazio e tempo per sondare e approfondire la questione con gli interrogativi che essa apre.

Leggi anche:  Italia, partenza col botto, ma piedi per terra

Setién non si limitato a queste dichiarazioni. E’ andato oltre, sostenendo che parlerà sì con il ragazzo, ma non gli chiederà scusa. “Comprendo bene che stia male per quanto accaduto e io per lui, perché è una gran professionista e una gran persona”.

Il trattamento ricevuto dal ragazzo non è stato gradito in particolar modo dal suo entorno, che ha fortemente contestato il modus operandi dell’allenatore ex Betis. Le parole spese nel dopo gara hanno ulteriormente incendiato un ambiente già rovente. Il padre di Antoine questa mattina ha pubblicato in uno dei suoi social un post in cui non è stato particolarmente tenero con Quique. “Per fare questo tipo di affermazioni bisogna possedere le chiavi del camion e questo non è il caso; è solo un passeggero”. Frase sibillina e tagliente come la lama di du rasoio affilato, la stessa sulla quale il tecnico sta camminando in equilibrio estremamente precario. Il riferimento alla sua posizione traballante è piuttosto chiaro.
Un allenatore via via debilitato nella reputazione, nella stima e nella saldezza della sua posizione dai recenti risultati e dalle sue scelte tecnico-tattiche discutibili, errate, tardive. Come dicono gli americani… “Too little; too late”. Quique non possiede l’autorità, questo in sostanza il discorso fatto da Mr Griezmann Senior per agire in quella maniera e per fare le dichiarazioni nel dopo gara che abbiamo letto.

Leggi anche:  Dove vedere Austria-Macedonia del Nord, streaming e diretta tv in chiaro Rai Sport?

Al padre di Antoine ha fatto da eco il fratello, Theo, che ha postato una dichiarazione in cui, pur senza riferirsi espressamente alla situazione accaduta in campo, ha reso evidente il suo pensiero. “Mi viene voglia di piangere, realmente”. Subito dopo un altro laconico post in cui si diceva esclusivamente “2 minuti…”.
I post di entrambi sono successivamente stati cancellati da padre e fratello di Grizzi, ma erano comunque già stati letti, memorizzati, trascritti, fotografati.

  •   
  •  
  •  
  •