MLS is Back Tournament: Chicago manda ko Seattle, vince Portland, pari show tra LAFC e Houston Dynamo

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Il Chicago Fire pone fine all’imbattibilità dei campioni in carica dei Seattle Sounders che a livello nazionale si protraeva da nove gare aggiudicandosi per 2-1 il confronto valido per la seconda giornata del girone B dell’MLS is Back Tournament in corso di svolgimento all’ESPN Wide World of Sports Complex di Disney World. Il debutto vincente consente alla compagine di Raphael Wicky di ritrovarsi da sola in vetta al raggruppamento. Un punto in due partite per i Seattle Sounders che nell’ultimo impegno del girone contro i Vancouver Whitecaps avranno, verosimilmente, bisogno di una vittoria per evitare una sorprendente eliminazione dal torneo. La prima frazione, giocata a bassi ritmi, riserva soltanto un’opportunità da rete per la squadra dello stato di Washington: al 22′ Hopeau, al termine di una ben congegnata azione di rimessa avviata da Lodeiro e proseguita dai Ruidíaz, conclude malamente a lato da favorevole posizione.
Il risultato si sblocca in apertura di ripresa. Il Chicago Fire si porta in vantaggio al 52′ con una travolgente azione di Robert Beric: il 29enne avanti sloveno, lanciato dalle retrovie da Pineda, si libera in qualche modo di Xavier Arreaga sulla trequarti, elude elegantemente il ritorno di Yeimar Gomez al limite dell’area e trafigge di sinistro Stefan Frei in uscita. La “Máquina Roja” si rende nuovamente pericolosa al 70′ con Djordje Mihailovic che si vede deviare in angolo il suo tentativo da distanza ravvicinata da Nouhou Tolo. I Seattle Sounders pareggiano i conti al 77′ con il 21enne keniano Handwalla Bwana pronto a deviare in rete a centro area un servizio basso dal fondo di Jordan Morris. A sei minuti dalla conclusione una punizione di Beric è deviata in angolo da Frei. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina di Gastón Giménez, il Chicago Fire si riporta definitivamente avanti nel punteggio andando a segno sotto misura con il giovane Mauricio Pineda.

Leggi anche:  Amichevole, dove vedere Bayern Monaco-Napoli: streaming e diretta tv in chiaro?

Il girone F fa registrare nel match d’apertura un pirotecnico pareggio per 3-3 tra Los Angeles FC e Houston Dynamo. I maggiori rimpianti per il mancato ottenimento della posta piena sono per la compagine texana che nella ripresa si è vista rimontare due reti da quella detentrice del Supporters’ Shield. L’avvio di gara è favorevole alla Houston Dynamo che passa a condurre già al 9′ con Memo Rodriguez: il 24enne centrocampista statunitense, dopo essersi liberato di Latif Blessing, batte Kenneth Vermeer con una precisa conclusione dal limite dell’area. Il Los Angeles FC risponde pervenendo al pareggio al 19′ con Bradley Wright-Phillips lesto ad irrompere in scivolata su un traversone basso dalla sinistra di Diego Rossi. La Houston Dynamo torna avanti nel punteggio allo scoccare della mezzora. Memo Rodriguez, sugli sviluppi di un cross dalla destra di Zarek Valentin, ribadisce in rete un suo precedente tentativo da distanza ravvicinata respinto da Vermeer. In piena fase di recupero The Orange si porta sul 3-1: punizione dalla sinistra di Darwin Quintero e colpo di testa vincente di Alberth Elis. Il Los Angeles FC, privo di Carlos Vela, non si arrende. Diego Rossi, servito a destra da Atuesta, accorcia le distanze al 63′ con una potente battuta in diagonale a mezz’altezza. Passano sei minuti ed il complesso di Bob Bradley agguanta la parità con Brian Rodriguez: il ventenne avanti uruguaiano, liberato ancora a destra da un tocco di Blessing, supera con freddezza Marko Maric.

Leggi anche:  Torino, pareggio con poche emozioni contro l'Al Fateh

Nella seconda sfida del girone F i Portland Timbers s’impongono per 2-1 sul Los Angeles Galaxy. La compagine californiana usufruisce al 12′ di una ghiotta opportunità per portarsi in vantaggio: il direttore di gara decreta, infatti, un calcio di rigore per i gialloblu per un fallo di mano in area dell’ex difensore del Pescara Dario Župarić su una conclusione di Cristian Pavón. Sul dischetto si presenta Chicharito Hernandez che si vede però neutralizzare la sua battuta dagli undici metri da Steve Clark bravo ad opporsi anche al successivo tentativo di tap-in di Sacha Kljestan. Il 32enne attaccante messicano, in cerca di riscatto, va vicino al bersaglio in apertura di ripresa (52′) colpendo una traversa sugli sviluppi di un traversone dalla sinistra proposto da Emiliano Insúa. A trovare la via della rete, al termine di una tambureggiante azione, sono invece i Portland Timbers: Jeremy Ebosisse insacca al 59′ da pochi passi un pallone ottimamente servito dal fondo da Blanco. I biancoverdi insistono. Sebastián Blanco raddoppia al 66′ dopo aver eluso Insúa e aver vinto un rimpallo con l’ex centrale difensivo di Palermo e Bologna Giancarlo González. Il complesso di Andrés Flores resta però in inferiorità numerica al 75′ per l’espulsione di Župarić per somma di ammonizioni. Il LA Galaxy ne approfitta per dimezzare lo svantaggio: Chicharito Hernandez spedisce all’87’ in rete un invito dal fondo di Gordon Wild. Nelle battute conclusive i Timbers soffrono, ma riescono a condurre in porto il prezioso successo.

Leggi anche:  Amichevole, dove vedere Nizza-Milan: streaming e diretta tv in chiaro?

Classifica Girone B: Chicago Fire* 3; San Jose Earthquakes* e Seattle Sounders 1; Vancouver Whitecaps* 0.
*Una partita in meno.
Classifica Girone F: Portland Timbers 3; Houston Dynamo e Los Angeles FC 1; Los Angeles Galaxy 0.

  •   
  •  
  •  
  •