MLS is Back Tournament: Orlando City e Philadelphia Union avanzano agli ottavi di finale

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Orlando City e Philadelphia Union, bissando rispettivamente contro New York City FC e Inter Miami i successi ottenuti all’esordio, conseguono nel girone A dell’MLS is Back Tournament, in corso di svolgimento all’ESPN Wide World of Sports Complex di Disney World, il passaggio agli ottavi di finale della manifestazione con un turno d’anticipo. Nonostante il secondo ko in altrettante gare, Blues ed Herons possono ancora sperare di strappare la qualificazione rientrando tra le quattro migliori terze classificate. Orlando City, dopo aver incamerato la posta piena al debutto contro l’Inter Miami, s’impone sul New York City FC per 3-1. Partenza lanciata per la compagine di Óscar Pareja che infligge agli avversari un micidiale uno-due nei primi dieci minuti. Grande protagonista Chris Mueller: il 23enne avanti statunitense sblocca il risultato al 4′ spedendo di prima intenzione in rete un calcio di punizione dalla trequarti di João Moutinho e sigla il raddoppio al 10′ finalizzando con eleganza sull’uscita di Johnson un’azione avviata da un cross di Rouan e rifinita di testa da Dwyer. Il New York City FC, dopo aver impegnato severamente Gallese con una conclusione di Thorarinsson (30′) e gettato al vento una ghiotta opportunità in contropiede con Castellanos (31′), riesce ad accorciare le distanze al 38′ con una splendida battuta mancina a mezz’altezza di Jesús Medina dal limite dell’area. Il complesso di Ronny Deila va vicinissimo al pareggio al 78′ quando Gallese si oppone con bravura ai tentativi in rapida successione effettuati da Keaton e Castellanos. L’Orlando City mette al sicuro il risultato all’81’ con Tesho Akindele pronto a ribadire in rete di testa una conclusione di Michel respinta da Johnson. In fase di recupero (92′) il New York City FC colpisce una traversa con una conclusione da fuori area di Mitrita.

Leggi anche:  Russian Premier League: Nizhny Novgorod, buona la “prima” nella massima serie

Nell’altro confronto del girone A il Philadelphia Union consegue la sua seconda affermazione prevalendo sull’Inter Miami per 2-1. La compagine della Pennsylvania si porta in vantaggio già al 5′ con un fendente mancino da fuori area di Kai Wagner. L’Inter Miami si propone in avanti al 23′ con un tentativo da distanza ravvicinata di Carranza deviato in angolo da Blake. Sul versante opposto Przybylko, lanciato da Aaronson, va a segno al 27′ ma il gol viene annullato per fuorigioco. Dal possibile 2-0 si passa all’1-1: Rodolfo Pizarro firma al 36′ il pareggio con una pregevole giocata sotto porta al termine di una bella e rapida manovra avviata da Morgan e rifinita da Pellegrini. In apertura di ripresa (48′) l’Inter Miami avrebbe l’opportunità per andare a condurre: Carranza, lanciato in verticale da Trapp, fallisce il controllo favorendo l’uscita di Blake. Sul ribaltamento di fronte Przybylko si vede respingere una conclusione da posizione favorevole da Reyes. L’Inter Miami torna ad essere pericolosa al 51′ con un tentativo da fuori area di Morgan deviato in angolo da Blake. Il Philadelphia Union torna avanti al 63′ con un contropiede finalizzato da Kacper Przybylko: il 27enne avanti polacco, servito da Aaronson, elude l’intervento di Sweat e trafigge Robles con una precisa battuta mancina dal limite. Le speranze per l’esordiente Inter Miami di evitare il quarto ko in altrettanti impegni ufficiali s’infrangono all’83’ sulla traversa colpita di testa da Torres sugli sviluppi di un corner battuto da Morgan. Nelle battute conclusive la compagine della Florida resta anche in dieci per l’espulsione di Reyes per somma di ammonizioni.

Leggi anche:  Colpo del Manchester United, in arrivo un difensore dal Real Madrid

Classifica Girone A: Orlando City e Philadelphia Union 6; Inter Miami e New York City 0.

  •   
  •  
  •  
  •