Atalanta, l’asse colombiano Zapata-Muriel. 36 goal in due

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


In quasi 113 anni di storia, l’Atalanta ha avuto la possibilità di incontrare coppie offensive di ogni tipo: dallo svedese Jeppson al tanto citato e nostalgico Caniggia, Evair e Stromberg; dal promettente Bobo Vieri al trio delle meraviglie formato da Filippo Inzaghi, Morfeo e Lentini; dalle illusioni targate Comandini e Saudati fino a Cristiano Doni (prima con Zampagna e successivamente con Floccari); dagli argentini German Denis e Maxi Moralez fino al recente tridente Zapata-Ilicic-Gomez. Fior fior di attaccanti, ma la stagione 2019/2020 è stata all’insegna della Colombia: più precisamente non solo dal numero 91 atalantino, ma anche da Luis Muriel. Una coppia tanto devastante quanto dirompente quando c’è da trovare la via della rete.

36 goal per trascinare l’Atalanta al terzo posto – Un titolare fermo da oltre tre mesi e un giocatore che doveva sciogliere il nodo della discontinuità. Così Zapata e Muriel si erano presentati dopo il girone d’andata, ma durante la ripresa hanno riscattato queste due pillole, trasformando il tutto in una grande potenza di fuoco quando l’Atalanta aveva la necessità di fare goal: Duvan è ritornato a pieno regime dimostrando il centravanti che è stato l’anno scorso, Luis ha spaccato più volte la partita entrando nella storia come il secondo miglior marcatore dalla panchina del XXI secolo. Colombia al potere anche in vista della Champions League, e chissà cosa ci regaleranno in futuro.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: