Chinese Super League girone A: GZ Evergrande matematicamente primo, Pellè spinge lo Shandong Luneng verso i playoff

Pubblicato il autore: Albyreds Segui


Il Guanghzou Evergrande, prevalendo per 2-1 sul fanalino di coda Henan Jianye, si assicura con due turni d’anticipo rispetto la fine della regular season il primo posto nel girone A della Chinese Super League. Il quinto successo consecutivo consente alla compagine di Cannavaro di salire in classifica a quota 31. Per i Diavoli rossi, ultimi con 6 punti all’attivo, si tratta invece del quinto ko di fila.
Il testa-coda riserva subito emozioni. L’Henan Jainye, si vede al 3’ annullare una rete di Ma Xingyu per una precedente carica di Chen Hao su Liu Dianzuo. Il Guangzhou Evergrande, dopo aver sfiorato il bersaglio al 6’ con un colpo di testa di Paulinho, si porta in vantaggio al 14’ con Elkeson che trasforma un calcio di rigore concesso per una leggera spinta in area di Fernando Karanga a He Chao. Le “Tigri della Cina meridionale” raddoppiano in modo piuttosto fortunoso con Paulinho sugli sviluppi di una battuta al volo mancina di Fernandinho respinta da Wu Yan. L’Henan Jianye torna in partita al 29’ con Ivo abile nel controllare e spedire in rete dal limite dell’area un pallone giocato con troppa sufficienza da Zhang Linpeng. Il complesso di Ji Yang avrebbe al 65’ l’opportunità di agguantare la parità: il direttore di gara intravede in un contatto in area tra Yan Dinghao e Bassogog gli estremi per la concessione di un penalty. Fernando Karanga, presentatosi sul dischetto, si fa neutralizzare il tentativo dagli undici metri da Liu Dianzuo. Nel prosieguo del confronto il Guanghzou Evergrande controlla con sicurezza le iniziative avversarie rendendosi pericoloso in contropiede in almeno un paio di circostanze.

Lo Shandong Luneng ipoteca la sua partecipazione ai playoff aggiudicandosi per 2-1 il delicato confronto diretto con lo Shenzhen. Il ritorno al successo, dopo quattro tentativi infruttuosi, permette al complesso di Li Xiaopeng di agganciare al secondo posto lo Jiangsu Suning a quota 20 e porre, a 180 minuti dal termine della stagione regolare, sei lunghezze dagli avversari posizionati al quinto in compagnia del Guangzhou R&F. Positivo avvio di gara per lo Shandong Luneng: Liuyu Duan, smarcato da Pellè, sigla al 13’ l’1-0 per i propri colori. Lo Shenzhen fatica ad organizzare una reazione convincente. Lo Shandong Luneng, dopo essersi visto annullare al 27’ una rete di Roger Guedes per un fallo in avvio d’azione commesso da Moises su John Mary, impensierisce al 39’ Guo Wei con una conclusione da fuori area di Krug Guedes. Il raddoppio è nell’aria e si materializza in chiusura di prima frazione. Il direttore decreta per atterramento in area di Wu Hinghan ad opera di Ge Zhen un penalty che Pellè provvede a trasformare. Al 63’ è lo Shenzhen ad usufruire di un tiro dal dischetto: Gao Lin accorcia le distanze trasformando una massima punizione da lui stesso procurato (fallo di Liu Junshuai). Le speranze del complesso di Jordy Cruyff di evitare in extremis la sconfitta si spengono sulle incornate sul fondo di Preciado (77’) e Song Ju-Hun (89’).

Importante, in chiave post season, si rivela anche l’affermazione per 1-0 ottenuta in extremis dal Guanghzou R&F a spese del Dalian Pro. Il quarto successo in campionato consente ai Blue Lions di agganciare al quinto posto lo Shenzhen a quota 14. Il Dalian Pro, rimasto fermo a quota 11 dopo aver inanellato cinque risultati utili consecutivi, vede ridursi sensibilmente le possibilità di disputare i playoff. Le prime opportunità da rete sono per il Guanghzou R&F. Al 7’ Chen Zhechao si procura abilmente lo spazio per il tiro ed impegna Zhang Chong. Due minuti più tardi è una pericolosa battuta al volo di Saba a creare preoccupazione tra gli avversari. Il Dalian Pro risponde con un tentativo alto di Rondon (23’) e con una conclusione di Sun Bo respinta da Tang Miao (42’). Nella ripresa sono ancora i “Falchi blu” a proporsi con maggiore continuità ed efficacia in fase offensiva: Dong Yanfeng spedisce sul fondo da buona posizione (57’) e Sun Guowen costringe Han Jiaqi in angolo (70’). A colpire in piena fase di recuperò (93′) è però il Guanghzou R&F con una deviazione vincente a centro area di Ye Chugui su un traversone basso proposto dalla destra da Tang Miao.

Shanghai Shenhua e Jiangsu Suning allungano a quattro ed a tre le rispettive strisce di pareggi consecutivi chiudendo sullo 0-0 il confronto diretto andato in scena alla Pro Soccer Academy Base di Dalian. Il risultato di parità consente ai “Fiori di Shanghai” d’insediarsi in solitaria al quarto posto con 15 punti all’attivo. Lo Jiangsu Suning, vicinissimo ad ottenere il pass per i playoff, si ritrova a dover condividere il secondo posto con lo Shandong Luneng a quota 20. La compagine di Nanchino si rende pericolosa al 12’ con una conclusione di Eder deviata in angolo da Zeng Cheng. L’ex azzurro ci riprova senza fortuna al 23’ con un fendente di poco a lato. Lo Shanghai Shenhua si fa vedere al 34’ con una battuta sul fondo di Cao Yunding e ad al 41’ con un tentativo di Wen Jiabao respinto da Gu Chao. Alla ripresa del gioco è la volta dello Jiangsu Suning cercare la via della rete con una conclusione di Teixeira neutralizzata da Zeng Chao (47’) e con una di Eder deviata in angolo da un avversario (48’). Il prosieguo del confronto non riserva altre opportunità di rilievo.

Chinese Super League girone A: la classifica dopo la dodicesima giornata
Guanghzou Evergrande 31; Jiangsu Suning e Shandong Luneng 20; Shanghai Shenhua 15; Shenzhen e Guanghzou R&F 14; Dalian Pro 11; Henan Jianye 6.

  •   
  •  
  •  
  •