Chinese Super League girone A: il Guangzhou Evergrande vince e va in fuga, Pellè-gol ma lo Shandong Luneng resta terzo

Pubblicato il autore: Albyreds Segui


Terzo successo di fila per la capolista Guangzhou Evergrande che al Jinzhou Stadium di Dalian s’impone per 2-0 sullo Shenzhen in un match valido per la decima giornata del girone A della Chinese Super League. L’ottava affermazione in campionato, sancita dalle reti di Paulinho (28′) e Fernandinho (54′), consente alla compagine di Fabio Cannavaro di salire a quota 25 e portare conseguentemente a sette le lunghezze di vantaggio in classifica sullo Jiangsu Suning fermato sul pari dal Dalian Pro. Proprio nel giorno dell’esordio in panchina di Jordi Cruyff, lo Shenzen, confermatosi al quinto posto con 11 punti all’attivo, vede chiudersi a quattro la striscia di risultati utili consecutivi.

Il Guangzhou Evergrande prende subito in mano le redini del gioco creando diverse occasioni: Yang Liyu, a cavallo del 16′, si vede respingere un paio di tentativi da distanza ravvicinata da Guo Wei. L’estremo difensore dello Shenzen viene nuovamente chiamato in causa al 27′ da una conclusione mancina di Talisca da fuori area. Un minuto più tardi le “Tigri” si portano in vantaggio con Paulinho pronto ad irrompere sotto porta su un traversone basso dalla sinistra di Yang Liyu. A 39′ lo Shenzhen si rende pericoloso con una girata a centro area di Preciado deviata in scivolata in angolo da Park Ji-Su. Sul versante opposto (42′) Talisca costringe Guo Wei ad una non facile deviazione in corner con un bel tiro da fuori area. Prima dell’intervallo (45′) lo Shenzhen impensierisce Liu Dianzuo con fendente di Bifouma.
In apertura di ripresa (54′) il Guangzhou Evergrande raddoppia: Fernandinho, in occasione di un invito in profondità di Paulinho, sfrutta al meglio un velo di Talisca per inserirsi in area e superare con freddezza Guo Wei. Il complesso di Cannavaro va vicinissimo alla terza rete al 60′ con un tentativo di poco a lato da distanza ravvicinata di Paulinho ed al 69′ con una battuta da fuori area di Talisca che s’infrange sulla parte superiore della traversa. Nel prosieguo del match le “Tigri” si limitano a controllare con sicurezza i tentativi dello Shenzhen che solo all’86’ riesce a chiamare in causa Liu Dianzuo con un colpo di testa piuttosto debole di Preciado sugli sviluppi di un cross dalla destra di Ge Zhen.

Shandong Luneng e Shanghai Shenhua chiudono sull’1-1 la seconda sfida della giornata andata in scena al Dalian Sports Center Stadium. La compagine di Jinan, passata in vantaggio al 19′ con Graziano Pellè, si vede raggiungere ad otto minuti dal termine dagli avversari a segno con Giovanni Moreno. Il pareggio conseguito consente, se non altro, allo Shandong Luneng di tornare a muovere la classifica dopo due ko consecutivi e di continuare ad accusare un sola lunghezza di ritardo in classifica dello Jiangsu Suning secondo a quota 18. Lo Shanghai Shenhua allunga a cinque la striscia di gare senza successi ma con i suoi 13 punti all’attivo si conferma in quarta posizione.
Lo Shandong Luneng, dopo aver creato alcune potenziali opportunità da rete, sblocca il risultato al 19′ con Pellè: l’ex nazionale azzurro, sugli sviluppi di un maldestro tentativo effettuato da Liuyu, trafigge Zeng Cheng da pochi passi. Lo Shanghai Shenhua va vicino al bersaglio al 42′ con una punizione di Moreno deviata con bravura in angolo da Han Rongze. A metà ripresa Zeng Cheng evita il raddoppio in contropiede dello Shandong Luneng esibendosi in un paio di ottimi interventi. Nel finale di gara sale in cattedra Moreno: il 34enne trequartista colombiano dello Shanghai Shenhua, dopo aver colpito al 78′ una clamorosa traversa con una formidabile battuta da fuori area, sigla all’82’ il pareggio per i suoi colori con un preciso fendente dal limite dell’area al termine di una caparbia iniziativa personale.

Classifica Chinese Super League girone A dopo la decima giornata
Guangzhou Evergrande 25; Jiangsu Suning 18; Shandong Luneng 17; Shanghai Shenhua 13; Shenzhen 11; Guangzhou R&F e Dalian Pro 10; Henan Jianye 6.

  •   
  •  
  •  
  •