Brasileirão, 18a giornata: il Flamengo non lascia fuggire l’Internacional

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Il big match del diciottesimo turno del Brasileirão tra Internacional e Flamengo, andato in scena al Beira-Rio, non ha tradito le aspettative della vigilia: le due compagini appaiate al comando del torneo hanno chiuso sul 2-2 un confronto intenso, appassionante e incerto sino all’ultimo. Il Colorado passato per due volte in vantaggio in virtù delle reti realizzate da Abel Hernandez (7′) e dal capocannoniere del campionato Thiago Galhardo (25′) si è visto puntualmente raggiungere da un mai domo Mengão a segno con Pedro (11′) e con Everton Ribeiro a pochi istanti dal termine (95′). Un risultato di parità che fotografa piuttosto fedelmente l’andamento di una partita valida non solo dal punto di vista agonistico. L’Internacional, fino a quando le forze lo hanno sorretto, ha sviluppato una buona mole di gioco e messo in evidente difficoltà gli avversari in fase d’uscita con un pressing alto particolarmente efficace. Dopo aver rischiato d’incassare il 3-1 in apertura di ripresa in occasione del palo colpito da Marcos Guilherme (49′) il Flamengo è cresciuto impetuosamente stringendo, in certe fasi, quasi d’assedio l’area avversaria come possono attestare la traversa colpita da Filipe Luis (57′) e i salvataggi nei pressi della linea di porta effettuati da Heitor sui tentativi di Vitinho e Pedro (66′)

Leggi anche:  Dybala si tuffa e cerca il rigore in Benevento-Juventus? La dura reazione di Ziliani su Twitter

L’Atlético Mineiro che sulla carta avrebbe potuto approfittare dello scontro al vertice per avvicinarsi alla vetta ha invece mantenuto inalterato il ritardo di tre lunghezze non essendo andato oltre un pareggio interno a reti inviolate contro uno Sport Recife presentatosi al Mineirão con una striscia aperta di quattro sconfitte. Prosegue la risalita del Fluminense: il Tricolor carioca, prevalendo in casa sul Santos per 3-1, si è insediato con i suoi 29 punti in solitaria al quarto posto scavalcando in un colpo solo, oltre al Peixe, anche il San Paolo fermo anch’esso a quota 27 a causa del rinvio del match contro il Botafogo. Staccato di due lunghezze c’è il Palmeiras che confermando i segnali di ripresa palesati in Copa Libertadores contro il Tigre si è imposto in trasferta per 3-0 contro l’Atletico Goianiense con Luiz Adriano in evidenza con una doppietta.

Leggi anche:  Hong Kong Premier League, seconda giornata: Kitchee nuovamente fermato sul pareggio

Il Gremio, passato in rimonta all’Arena da Baixada per 2-1 contro l’Athletico Paranaense, aggancia all’ottavo posto il Fortaleza a quota 24. Nel medesimo modo e con l’identico risultato il Cearà ha prevalso al Castelão su un Coritiba che, in seguito al ko, ha deciso di esonerare dall’incarico il tecnico Jorginho. Quarto risultato utile di fila per il Vozão decimo in compagnia dell’Atletico Goianiense con 22 punti all’attivo. Alle loro spalle distanziati di una lunghezza ci sono lo Sport Recife e il Corinthians. Quest’ultimo si è lasciato parzialmente alle spalle l’1-5 patito contro il Flamengo andando a cogliere in extremis una preziosa affermazione esterna per 2-1 sul Vasco da Gama. Per il club di Rio de Janeiro, precipitato in diciassettesima posizione, si è trattato del quinto ko consecutivo, il secondo da quando Ricardo Sá Pinto ha preso il posto di Ramon Menezes in panchina. Il quadro dei risultati è completato dal secondo importante successo interno consecutivo ottenuto nei bassifondi della classifica dal Bragantino sul fanalino di coda Goiás per 2-0.

Leggi anche:  Brasileirão, 23a giornata: Atlético Mineiro al comando, Internacional e Fluminense perdono terreno

Classifica Brasileirão dopo la diciottesima giornata
Internacional e Flamengo 35; Atlético Mineiro* 32, Fluminense 29; San Paolo*** e Santos 27; Palmeiras* 25; Fortaleza** e Gremio* 24; Ceará* e Atlético Goianiense 22; Sport Recife e Corinthians 21; Bahia*, Bragantino e Botafogo* 19; Vasco da Gama**18; Athletico Paranaense* e Coritiba 16; Goiás** 11.
* Una partita in meno.
** Due partite in meno.
*** Tre partite in meno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: