Chinese Super League playoff: il Guangzhou Evergrande travolge l’Hebei e vola in semifinale

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Il Guangzhou Evergrande è la prima semifinalista dei playoff della Chinese Super League: la compagine di Fabio Cannavaro travolge per 5-0 l’Hebei China Fortune nella gara di ritorno dei quarti di finale disputata al Kunshan Stadium di Suzhou dopo aver già vinto per 3-1 quella d’andata. La larga affermazione delle “Tigri del Canton” è sancita dalle doppiette di Talisca (27′ e 62′) e Fernandinho (36′ e 56′) e dalla rete di Paulinho (81′). A contendere al Guangzhou Evergrande l’accesso alla finale per il titolo sarà la vincente del confronto tra Shandong Luneng e Beijing Guoan che nel primo match ha fatto registrare un pareggio per 2-2.

I primi tentativi a rete sono dell’Hebei: Marcao chiama in causa Liu Dianzuo con un paio di deboli tentativi effettuati di testa (10′) e su punizione (12′). Sul versante opposto Fernandinho, imbeccato in profondità da Talisca, si vede deviare in angolo la sua conclusione da un efficace intervento in scivolata di Pan Ximing. Il Guangzhou Evergrande si porta in vantaggio al 27′: Talisca, liberato al tiro da un tocco arretrato di Fernandinho, supera Chi Wenyi con una precisa con una precisa battuta mancina da fuori area. L’Hebei avrebbe quattro minuti più tardi l’opportunità di riportarsi immediatamente in parità se Yin Hongbo, dopo aver avuto il merito di propiziare una pericolosa ripartenza per via centrale, invece di cercare la rete con un tentativo dal limite respinto senza particolari difficoltà da Liu Dianzuo optasse, sul tocco di Marcao, per un agevole assist per Memisevic completamente solo in area a sinistra. I campioni in carica ringraziano e al 36′ raddoppiano: Fernandinho, servito in verticale da Paulinho, trafigge Chi Wenyi con una potente conclusione a mezz’altezza.

Leggi anche:  Super League svizzera, Lugano-Basilea 1-0. Il sogno dei ticinesi continua

L’Hebei torna a farsi vedere in avanti alla ripresa del gioco. Samir Memisevic si rivela elemento più pericoloso nel complesso di Langfang: l’ex difensore centrale del Groningen al 52′ impegna Liu Dianzuo con un perentorio colpo di testa e al 56′ si vede respingere un tiro da ottima posizione da Browning appostato sulla traiettoria. Sul ribaltamento di fonte il Guangzhou Evergrande va a segno per la terza volta con Fernandinho pronto sotto misura a ribadire in rete una conclusione di Elkeson respinta da Chi Wenyi. I campioni in carica insistono. Talisca, al termine di uno scambio in velocità al limite dell’area con Paulinho, sigla al 62′ il 4-0 con una battuta angolata. L’Hebei cerca con determinazione ma invano il punto della bandiera. Liu Dianzuo al 63′ devia con bravura in corner un rasoterra di Marcao e poco dopo Yin Hongbo colpisce un palo clamoroso con una bella conclusione a giro da fuori area. Il Guangzhou Evergrande, dopo aver fallito al 70′ una favorevole occasione con Deng Hanwen, realizza all’81’ la quinta rete con Paulinho abile, sull’invito di Yan Dinghao, a scavalcare il portiere in uscita con un bel colpo sotto. Nel finale il passivo potrebbe risultare ancora più pesante per l’Hebei se i tentativi di Talisca da fuori area e di Zhong Yihao in tuffo di testa non s’infrangessero sul montante di destra della porta difesa da Chi Wenyi.

Leggi anche:  Qualificazioni Euro 2021 femminile: oggi le Azzurre sono impegnate in Danimarca

Nei playout il Tianjin TEDA si garantisce la certezza matematica della permanenza nella massima serie chiudendo sull’1-1 la sfida di ritorno dei quarti di finale contro lo Shenzhen disputata al Dalian Sports Center dopo aver riportato un successo per 2-0 nella gara d’andata. La compagine di Jordi Cruyff s’illude di poter ribaltare l’esito del doppio confronto passando in vantaggio al 28′ con l’avanti camerunense John Mary. Il Tianjin TEDA riesce a riportare le sorti del match in parità ad un quarto d’ora dal termine con una rete del difensore tedesco Felix Bastians. Il complesso di Wang Baoshan proseguirà la sua avventura nella post season affrontando i barrage per il nono-dodicesimo posto mentre lo Shenzhen sarà impegnato in quelli certamente più delicati per il tredicesimo-sedicesimo posto.

  •   
  •  
  •  
  •