Bologna, Mihajlovic: “Così non andiamo da nessuna parte”

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


E’ amareggiato il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic per la sconfitta rimediata contro lo Spezia che ha eliminato i rossoblù dalla Coppa Italia. Ecco le sue parole:

La partita: “Dove siamo stati bravi? Ma quale reazione! Era impossibile non perderla dopo aver visto tutto questo, a questo punto avrei preferito uscire prima dei supplementari. Così non si possono vincere le partite”.

I problemi: “Si crea e non si fa goal, subisci e fanno goal: è tutto il campionato che va così. Con sei, sette, otto occasioni create e fai solo due reti come fai a vincere? Non c’è bisogno di un ingegnere nucleare per capire che serve una punta, senza una prima punta di ruolo è difficile concretizzare: e dietro prendiamo sempre goal, per errori individuali, siamo anche sfigati, ogni tiro è un goal: loro hanno segnato 4 reti con 4 tiri. Niente scuse, dovevamo vincere e non lo abbiamo fatto, loro sono passati meritatamente, ora ci butteremo sul campionato“.

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Juventus-Spal: streaming gratis e diretta tv in chiaro Rai 1?

Il significato della “Coppa Italia”: “Era importante, perchè era la strada più corta per arrivare in Europa o vincere qualcosa, incontrare la Roma o un’altra squadra non faceva differenza: se non vinci non vai avanti, non possiamo difendere, se difendiamo prendiamo goal e per questo motivo dobbiamo segnare un goal in più dell’avversario”

Rigoristi: Barrow è il primo rigorista, il secondo Orsolini, poi decidono loro”.

Un Bologna che ha “buttato alle ortiche una qualificazione in tasca grazie al rigore sbagliato da Barrow: un Bologna fragile in difesa e sprecone in avanti, non sono bastati i tanti titolari in campo, le tante occasioni sciupate compreso il rigore: insomma si è sbagliato lo sbagliabile. Per i rossoblù, che salutano la Coppa Italia di nuovo in maniera amara, è tempo di riflessioni auspicando che questa sconfitta possa essere una lezione stavolta più dolorosa per crescere (evidentemente quelle di Benevento e contro il Sassuolo non sono hanno insegnato nulla).

  •   
  •  
  •  
  •