Brasileirão, 20a giornata: l’Internacional torna in vetta da sola ma Coudet si dimette, il Flamengo travolto al Mineirão esonera Torrent

Pubblicato il autore: Albyreds Segui


Il ventesimo turno del Brasileirão registra il ritorno solitario al comando dell’Internacional: la compagine del dimissionario Eduardo Coudet (ad un passo dal legarsi al Celta Vigo) allunga a tre la striscia di gare senza vittorie ma il pareggio interno per 2-2 contro il Coritiba, guidato per la prima volta in panchina da Rodrigo Santana, si rivela comunque sufficiente al Colorado per staccare in classifica di un punto il Flamengo travolto e raggiunto al secondo posto dall’Atlético Mineiro. Nel confronto andato in scena al Beira-Rio, inevitabilmente condizionato dalla controversa espulsione tra i padroni di casa di Heitor in avvio di ripresa (53’), l’Internacional passa per due volte in vantaggio in virtù delle reti realizzate da Yuri Alberto (32’) e Nonato (59’) ma in entrambe le circostanze si vede puntualmente agguantare dagli ospiti a segno con Giovanni Augusto (48’) e Sabino (74’).
Il Flamengo non riesce a rialzarsi dopo l’1-4 subito in casa contro il San Paolo. Il Mengão soccombe nel big match del Mineirão per 4-0 contro un Atlético Mineiro che non incamerava la posta piena da quasi un mese. All’autogol di Gustavo Henrique che pone fine ad un digiuno realizzativo del Galo protrattosi per 253 minuti fanno seguito le realizzazioni bianconere di Keno (8’), Eduardo (59’) e Zaracho (83’). La seconda batosta consecutiva costa al tecnico spagnolo Domènec Torrent l’esonero dalla guida del club rubro-negro ora sulle tracce di Rogério Ceni del Fortaleza.

Leggi anche:  Dove vedere Foggia-Virtus Francavilla Serie C, streaming gratis e diretta tv Antenna Sud

Il San Paolo si lascia alle spalle l’eliminazione dalla Copa Sudamericana cogliendo al Morumbi una sofferta vittoria in rimonta per 2-1 sul fanalino di coda Goiás. L’Esmeraldino avanti al 18’ con Fernandao subisce il ritorno dei padroni di casa in rete con Brenner al 24’ (decisivo l’intervento del VAR) e con Igor Gomes al 79’. Il quarto successo nelle ultime cinque esibizioni consente al Tricolor paulista, in serie positiva da dieci gare, d’insediarsi al quarto posto a quota 33 e ridurre, conseguentemente, a sole tre lunghezze il ritardo dalla capolista Internacional. Il Fluminense vede chiudersi a otto la striscia di risultati utili di fila cedendo al Maracanã per 1-0 contro il lanciato Gremio. Decisivo, ai fini della terza affermazione di fila della compagine di Renato Portaluppi, si rivela un gol di Pepe al 28’. Per il Fluzão, scivolato con i suoi 32 punti in quinta posizione, si tratta del secondo ko interno in campionato. Il Santos si vede sfuggire al sesto minuto di recupero una vittoria esterna contro il Bragantino: Leonardo Ortiz, dopo aver permesso agli ospiti di passare a condurre al 56’ deviando nella propria porta un traversone di Soltedo, si riscatta allo scadere realizzando l’1-1 per i suoi colori. Il Peixe, salito a quota 31, si vede raggiungere al sesto posto dai rivali del Palmeiras passati al São Januário sul Vasco da Gama per 1-0. A sancire il terzo successo consecutivo del Verdão è una rete al 73’ di Luiz Adriano: l’ex avanti rossonero rimedia con prontezza ad un suo tentativo dal dischetto respinto da Kaufmann. Il quadro dei risultati è completato dai preziosi successi interni colti nei bassifondi della classifica dall’Athletico Paranaense sul Fortaleza (2-1) e dal Bahia sul Botafogo (1-0) e dai pareggi tra Atletico Goianiense e Corinthians (1-1) e tra Ceará e Sport Recife (0-0).

Leggi anche:  Brasileirão, 22a giornata: il Flamengo aggancia in vetta l’Atlético Mineiro, il Fluminense risale al quinto posto

Classifica Brasileirão dopo la ventesima giornata
Internacional 36; Atlético Mineiro* e Flamengo 35; San Paolo*** 33; Fluminense 32; Palmeiras* e Santos 31; Gremio* 30; Sport Recife e Corinthians 25; Fortaleza** e Ceará* 24; Atlético Goianiense 23; Bahia* 22; Coritiba, Bragantino e Botafogo* 20; Vasco da Gama** e Athletico Paranaense* 19; Goiás** 12.
* Una partita in meno.
** Due partite in meno.
*** Tre partite in meno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: