Busquets distorsione al ginocchio sinistro. Tre settimane di stop

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu Segui

La partita di Nations League tra la Spagna e la Svizzera di ieri notte, partita finita con il risultato di 1 a 1, ha lasciato scorie non soltanto nella classifica del girone, ma anche nelle gambe dei giocatori. Busquets si è infatti infortunato nel corso della partita. Il giocatore blaugrana è uscito dal campo al 72′ a causa di un infortunio al ginocchio della gamba sinistra. Un contrattempo in chiave barcelonista giacché, in mancanza di ulteriori esami diagnostici ai quali si sottoporrà il giocatore nella giornata di lunedì, dai primi controlli effettuati in seno alla selezione spagnola si parla di una prognosi che si aggira sulle tre settimane. Uno stop che causerà certamente qualche grattacapo al tecnico olandese del Barcelona, sebbene in squadra Koeman potrà contare su una dupla di garanzia per il ruolo di doble pivote. De Jong e Pjanic sono già pronti per scendere in campo e portare avanti il progetto dell’allenatore olandese in mancanza di Busquets. Non sarà una assenza determinante quella del numero 5 del Barça, tenendo conto anche delle numerose critiche che il giocatore di Badía aveva ricevuto e collezionato in questo inizio di stagione. Prestazioni nettamente sotto la media, meglio sotto la sufficienza, dovute a scarsa concentrazione, contornate da una infinità di palle perse e da una lentezza nei movimenti e nei contrasti che gli avevano attirato uno sciame di critiche di chi lo voleva (e tuttora lo vuole) fuori dall’undici titolare e lontano dal terreno di gioco. Nonostante ciò Koeman lo aveva quasi sempre mandato in campo preferendolo al bosniaco Pjanic. Le voci su una convivenza difficile in campo tra Busi e De Jong, sul fatto che l’olandese soffra la sua presenza fino ad esserne limitato nella sua azione (secondo molti Busi gli pesta i piedi e limita la sua libertà di movimento), non hanno mai fatto presa nelle scelte di Ronald Koeman. Adesso l’assenza forzata di Busquets apre definitivamente le porte alla nuova coppia di centrocampo. Quando è stato utilizzato, Pjanic ha sempre lasciato delle buone sensazioni, con scelte azzeccate nei movimenti e nelle soluzioni. Se la prognosi dovesse essere confermata, Busquets dovrebbe restare fermo fino al 6 di dicembre, con la conseguenza che perderebbe tre partite di Liga (Atletico Madrid del 21 novembre, l’Osasuna del 29 e la trasferta di Cadice del 5 dicembre. In Champions salterà la doppia trasferta contro la Dinamo Kiev del 24 novembre e il Ferencvaros del 2 dicembre). Il giocatore, se tutto procedesse secondo il preventivato, sarà nuovamente a disposizione per l’ultima del girone di Champions, la partita casalinga contro la Juventus. Incontri che possono avere un certo peso in Liga visto la precaria situazione in cui la formazione blaugrana versa in classifica. Sopratutto la sfida contro l’Atletico dell’ex Suárez al Wanda sarà complicata. Tenendo tuttavia conto di quanto detto finora, vale a dire la situazione fisica scadente di Sergi, le numerose critiche piovutegli addosso per questo scadente inizio di stagione, non è certamente l’assenza più difficile da digerire per la formazione blaugrana. Vero è che viene a mancare un cambio sicuro a Ronald Koeman, ma forse sarà anche l’occasione per rivolgere lo sguardo altrove in panchina, verso quei giocatori giovani che fino a questo momento non hanno avuto quella chance che ci si sarebbe attesi. Uno di questi è certamente Alená. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan, Galliani: "Con il gol di Muntari avremmo vinto e cambiato la storia"