Inter, Conte: “Non ci sono alternative, dobbiamo vincere”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


L’Inter attende il Real Madrid
a Milano per l’attesa sfida di Champions League. Ai nerazzurri occorre fare punti e contro il Real è importante farli, Conte lo sa: “Non abbiamo scampo, è una finale. C’è un risultato importante da raggiungere. E sappiamo, dopo la gara d’andata, che se vogliamo possiamo”. 
A San Siro l’Inter attende gli spagnoli senza alcun timore, pronti a lottare per i tre punti, così come è successo contro il Torino, mentre erano sotto di due gol. Ma l’avversario è il Real Madrid e non sarà una passeggiata: “Conosciamo la storia degli avversari, quella recente in questa competizione. Dovremmo fare una grande partita, con grande attenzione, umiltà e concentrazione”. 

Inter, Conte: “Ancora non facciamo il salto di qualità”

L’allenatore dell’Inter, sul cammino della squadra in Champions League, dice: “Per qualificarci occorrono 7 forse 9 punti. Questo è il girone più difficile di tutta la Champions League, avremmo meritato anche una classifica migliore a quest’ora. Ma se i risultati non sono arrivati, meglio guardarsi dentro e capire. La verità è che il salto di qualità ancora dobbiamo farlo. Le chiacchiere stanno a zero, dobbiamo fare i fatti e assumerci le responsabilità, io, i giocatori e il club”. 
Quest’anno il campionato è competitivo, così come il girone di Champions in cui è finito l’Inter, per ottenere risultati bisogna dare davvero il massimo, l’allenatore ne è consapevole: “Se vogliamo essere competitivi dobbiamo aumentare i livelli di tutto: fame, cattiveria, concentrazione“. 
L’ex allenatore della Nazionale e la sua attuale squadra sono spesso al centro di critiche, anche quando arriva una vittoria, come quella contro il Torino. Ma il tecnico non si lascia influenzare da queste situazioni: “Me ne sono accorto già l’anno scorso, qui si cerca sempre di negativizzare tutto. Io ero già preparato, ma qualcuno lo è di meno. Però quando giochi in squadre importanti o è tutto bello o tutto brutto”.
Il Real Madrid conta numerose assenze, tra infortuni e positivi al coronavirus, ultimo Sergio Ramos, questo potrebbe risultate un vantaggio per i nerazzurri, ma per Conte non è così: “Non penso che il Real possa piangere, è una rosa completa, importante, hanno tanti giocatori bravi, da Real Madrid. Il fatto che si parli delle assenze mi fa un po’ sorridere”.
In monti sognano di vedere in campo la coppia Sanchez-Lukaku, a Conte non dispiacerebbe, ma: “Potrebbe essere una soluzione a gara in corso oppure attuabile contro squadre di un livello inferiore all’Inter. Siamo già abbastanza offensivi, non credo che la squadra potrebbe sopportare tre attaccanti puri”. 
Infine il tecnico risponde alle critiche su Handanovic: “Aspettiamo le prossime tre partite di Champions prima di dare giudizi. I troppi gol subiti li prendiamo sulla ripartenza degli avversari o su errori nostri. In ogni caso tutto è migliorabile”.  

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, Pirlo: “Spal? Match difficile, servirà concentrazione”