Inter-Real Madrid, Zidane: “Con l’Inter sarà una finale”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


Il grande match previsto a San Siro tra Inter-Real Madrid è come una finale. A dirlo è anche Zinedine Zidane, tecnico dei Blancos, in conferenza stampa: “Sappiamo quanto sarà importante e siamo pronti”. Il Real Madrid arriva in Italia con numerose e pesanti assenze. Ultimo ad infortunarsi Sergio Ramos, che raggiunge Valverde, Militao, Odriozola, Jovic e Benzema in infermeria. Infortuni che andranno a penalizzare la prestazione degli spagnoli a Milano.

Real Madrid, Zidane: “Senza Ramos soffriremo, ma non possiamo fermarci in sua assenza”

Il tecnico delle merengues dovrà fare a meno di uno dei leader della squadra, Sergio Ramos: “Sappiamo quanto Sergio Ramos è importante per noi, ma non possiamo fermarci per una sua assenza. Domani contro l’Inter sarà come una finale, soffriremo, ma con la mentalità giusta andremo in campo per fare bene”. 
L’assenza di giocatori importanti pesa sulle prestazioni, ma adesso è importante fare bene e ottenere i tre punti: “Sono tante le partite da giocare, senza preparazione non è facile, ma non ci sono scuse. Senza alcuni giocatori lo spettacolo non può essere lo stesso, ma ognuno si gestirà a modo suo. Domani non puntiamo a pareggiare, dobbiamo vincere. Ma per il Real Madrid è sempre così quando va in campo”.
L’allenatore francese ha le idee chiare, nonostante le difficoltà che sta vivendo questa stagione a causa delle partite che si susseguono, gli infortuni e i contagiati. Ma la Champions League è una delle competizioni più importante per la squadra spagnola: “Tutti i match sono importanti, ma in Champions rischi sempre, per questo si richiede il massimo sul campo”. 
Zidane sa che l’Inter non è da sottovalutare, impostazione di gioco e giocatori importanti daranno filo da torcere al Real Madrid: “Domani giocheremo contro una buona squadra. Per me il Meazza è uno stadio speciale, qui ho giocato magiche partite con la maglia della Juventus. Uno stadio bellissimo”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  MotoGP, Marquez l'uomo da battere al Sachsenring