Asian Champions League: sorteggiati i quarti di finale della zona orientale

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


I due quarti di finale della zona orientale dell’Asian Champions League, a seguito del sorteggio avvenuto oggi a Doha, vedranno le compagini sudcoreane dell’Ulsan Hyundai e del Suwon Samsung Bluewings rispettivamente opposte ai cinesi del Beijing Guoan ed ai giapponesi del Vissel Kobe. Entrambe i confronti andranno in scena giovedì 10 dicembre al Janoub Stadium di Al Wakrah. Nella prima sfida dei quarti in programma il Beijing Guoan dovrà sovvertire una tradizione decisamente avversa contro l’Ulsan Huyndai avendo perso i quattro precedenti confronti diretti. Il secondo duello opporrà due squadre che si conoscono bene: Vissel Kobe e Suwon Samsung Bluewings si sono, infatti, già affrontate nella fase a gironi ottenendo un successo per parte.

Il Beijing Guoan, guidata da Bruno Génésio, è stata la prima squadra della zona est a guadagnarsi l’ingresso fra le migliori otto della massima competizione calcistica asiatica. Un traguardo mai raggiunto in precedenza dalle Guardie Imperiali che nelle tre passate apparizioni al Round of 16 aveva sempre rimediato delle delusioni. La compagine della capitale cinese ha allungato a sette la sua striscia positiva di risultati nel torneo imponendosi per 1-0 sui giapponesi del Tokyo FC all’Education City Stadium. Decisiva si è rivelata una rete realizzata al 59’ da Alan, a centro area, su assist dal fondo di Renato Augusto.

Leggi anche:  Italia, Andrea Belotti: "Mi sento un titolare, l'Italia vuole arrivare in fondo"

L’Ulsan Hyundai, campione d’Asia nel 2012, ha allungato a sei la striscia di vittorie di fila in questa edizione del torneo superando negli ottavi di finale gli australiani del Melbourne Victory con un perentorio 3-0 all’Education City Stadium. La compagine sudcoreana, dopo aver creato diverse palle-gol sventate con bravura dall’estremo difensore neozelandese Max Crocombe, ha sbloccato con un pizzico d’aiuto della buona sorte il risultato al 65’ con il nazionale norvegese Bjorn Johnsen. Il raddoppio della formazione guidata da Kim Do-Hoon si è concretizzato al 77’ con l’incornata vincente di Won Du-Jae sugli sviluppi di una punizione battuta dalla destra da Yoon Bit-Garam. A chiudere i conti ci ha pensato a quattro minuti dal termine ancora Johnsen pronto sotto misura a sfruttare una sponda aerea di Lee Keun-Ho.

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Decisamente più sofferto si è invece rivelato il passaggio del turno dell’altra formazione sudcoreana. Il Suwon Samsung Bluewings, vincitore del campionato d’Asia nel 2001 e nel 2002, ha prevalso in rimonta sul Yokohama F. Marinos per 3-2 al Khalifa International Stadium. Il complesso nipponico, passato in vantaggio al 20’ con una deviazione al volo da pochi passi di Erik Lima (20’) sugli sviluppi di un cross dal fondo di Nakagawa, ha subito nella ripresa il ritorno dei Bluewings in rete con un fendente mancino dal limite dell’area di Kim Tae-Hwan (57’), con un tocco da distanza ravvicinata di Kim Min-Woo maturato al termine di un bello scambio in velocità con Kim Gun-Hee (82’) e con un’autentica prodezza balistica di Han Seok-Jong da poco oltre la linea di centrocampo (87’). In fase di recupero (91’) gli Yokohama F. Marinos hanno inutilmente accorciato le distanze con un gol in tuffo di testa di messo a segno Ado Onaiwo.

Leggi anche:  Graziani contro l'eventuale cessione di Lautaro: "Se toccano quel tandem allora veramente si indebolisce l’Inter. L'anno prossimo..."

Il calcio giapponese si è preso, a ventiquattro ore di distanza dall’eliminazione del Tokyo FC ad opera del Beijing Guoan, la rivincita su quello cinese con il successo riportato dal Vissel Kobe sullo Shanghai SIPG. La compagine nipponica, alla sua prima partecipazione all’Asian Champions League, si è qualificata per i quarti di finale aggiudicandosi per 2-0 la sfida con le Aquile Rosse andata in scena al Khalifa International Stadium. Un’affermazione sancita dalle reti realizzate al 31’ dall’intramontabile Andrés Iniesta con la complicità di Chen Wei e da Daigo Nishi al 50’ con una deviazione di prima intenzione nel cuore dell’area avversaria su un traversone proposto dalla sinistra da Furuhashi.

Ottavi di finale zona orientale
Beijing Guoan – FC Tokyo 1-0
Ulsan Hyundai – Melbourne Victory 3-0
Yokohama F. Marinos – Suwon Samsung Bluewings 2-3
Vissel Kobe – Shanghai SIPG 2-0

Quarti di finale zona orientale

10 dicembre
Ulsan Hyundai – Beijing Guoan
Vissel Kobe – Suwon Samsung Bluewings

  •   
  •  
  •  
  •