Miranchuk, l’uomo degli esordi col botto. Prime tre apparizioni, tre goal

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Spesso si dice che una buona partenza non rappresenta a pieno quello che sarà nel complesso un determinato percorso, ma chi ben comincia è a metà dell’opera. Aleksey Miranchuk sta cominciando ora il suo percorso all’Atalanta, anche se quando viene tirato in causa non esita a mettere la sua firma: un bel biglietto da visita  per far capire quanto sia importante in un contesto così ambizioso come quello nerazzurro. L’attaccante russo, quando ha esordito in tutte e tre le competizioni (campionato, Coppa Italia e Champions League), è andato sempre a segno: l’ultima marcatura ieri sera contro il Cagliari dove, tra l’altro, è partito titolare.

Miranchuk ha disputato 11 presenze in totale con tre reti all’attivo: tutte quante siglate all’esordio. Il primo contro il Midtjylland in Champions League con una conclusione sotto il sette; il secondo in Serie A contro l’Inter eseguendo un tiro perfettamente angolato (contando anche dell’equilibrio offensivo che aveva portato nella ripresa); l’ultimo, ma non meno importante, quello di ieri contro il Cagliari partendo dal primo minuto, dimostrando grande motivazione e intesa con i suoi compagni di reparto. Un dato che fa sorridere, con la consapevolezza che l’Atalanta ha tra le mani un giocatore tanto talentuoso quanto promettente. Il tempo dirà se questo “buongiorno” russo sarà la fotocopia della stagione di Miranchuk.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Amichevole, dove vedere Nizza-Milan: streaming e diretta tv in chiaro?
Tags: