Cittadella – Cosenza 1-1: Corsi riacciuffa il Citta al 90′

Pubblicato il autore: Valerio Bianco Segui

Il primo gol in Serie B di Angelo Corsi al 90′ di un Cittadella – Cosenza tiratissimo permette agli uomini di Occhiuzzi di raggiungere i padroni di casa che erano andati in vantaggio in avvio di partita grazie alla rete di Federico Proia. Un punto a testa in una partita accesa e molto equilibrata nonostante il divario di punti in classifica

Cittadella-Cosenza: la cronaca

Partono forte i padroni di casa che dopo 4′ possono già esultare per la quarta rete stagionale di Federico Proia che raccoglie alla perfezione un cross dalla sinistra di Donnarumma trafiggendo un incolpevole Falcone. La reazione degli ospiti è veemente e coinvolge al 7′ il colombiano Brayan Vera che prova a farsi perdonare per l’errore commesso in marcatura sulla rete di Proia ma il suo sinistro da ottima posizione in area di rigore finisce fuori. Calabresi molto attivi e vicini al pareggio al 16′ grazie ad un’iniziativa di Tremolada che trova Corsi al centro dell’area ma il capitano rossoblu conclude a lato da ottima posizione. E’ battaglia sulle fasce laterali ed è da sinistra che al 23′ nasce una nuova occasione per il Cosenza ma Vera affretta i tempi del cross trovando comunque Marcello Trotta che dal limite dell’area di rigore si esibisce in un tanto inconsueto quanto impreciso tiro di petto. Calano i giri nel motore dei rossoblu con il Cittadella che riprende terreno e crea un pericolo con Donnarumma sul cui tiro da fuori area manca la deviazione il terzino Cassandro.

Nella ripresa Occhiuzzi cambia volto al Cosenza togliendo Vera e inserendo al suo posto Ba passando al 4-3-1-2. Il cambio modulo sembra giovare agli ospiti che entrano in campo con buon piglio e al 46′ sfiorano il pari con una bella conclusione dal limite dell’area di Tremolada. L’occasione migliore però arriva al 52′ con una combinazione in profondità tra Trotta e Carretta ma l’ex attaccante della Ternana non conclude alla perfezione facilitando l’intervento di Kastrati. Con l’uscita dal campo di uno stremato Tremolada, rilevato da Bahlouli, il Cosenza cala ed è Falcone a salvare in diverse occasione la baracca prima su un tiro dalla destra di Cassandro e poi su un pericolosissimo colpo di testa di Pavan da calcio d’angolo sul quale il portiere di proprietà della Sampdoria interviene in due tempi. I calci piazzati sono l’arma in più del Cittadella ed è Perticone al 73′ a far tremare il Cosenza ma Falcone risponde presente. Il Cittadella sembra addormentare la partita finchè al 90′, da un’azione alimentata da Ba al limite dell’area di rigore, Sciaudone trova Corsi che ha la freddezza per trafiggere Kastrati e regalare al Cosenza il 13° pareggio stagionale che porta i calabresi momentaneamente fuori dalla zona playout. Il Cittadella è sembrato stanco in diversi elementi e la troppa gestione ha di fatto punito gli uomini di Venturato che salgono al 4° posto a tre punti dal Monza che occupa il secondo posto utile per la promozione diretta. Nel prossimo weekend i veneti saranno di scena sabato in quel di Pordenone mentre per il Cosenza ci sarà il derby calabrese con la Reggina lunedì alle ore 21

Leggi anche:  Serie A, gli anticipi della 15ª giornata: i commenti in breve dagli spogliatoi

Cittadella-Cosenza: le pagelle

CITTADELLA

Kastrati 6 – Non deve compiere tanti interventi nonostante la pressione rossoblu. Incolpevole sul gol

Cassandro 6 – Tanto bene in fase offensiva quanto in apnea in fase difensiva.

Perticone 6,5 – Capitano nervoso, sfiora il gol che avrebbe chiuso il match. Vince il duello con Trotta

Camigliano 5,5 – Ex del match, incertezza decisiva sul gol di Corsi

Donnarumma 6,5 – Nel primo tempo è una spina nel fianco per la difesa rossoblu. Assente sul gol di Corsi, presente con tanto di assist per la zuccata di Proia

Proia 7 – Leader del centrocampo di Venturato, arriva il quarto gol stagionale. Esce stremato (dal 72′ Gargiulo 5,5) Falloso e incerto

Pavan 6 – Play basso, in sofferenza come tutto il Cittadella nel secondo tempo

Leggi anche:  Genoa- Milan, Shevchenko: "Farò sempre il tifo per il Milan"

Branca 5,5 – Va in difficoltà con l’ingresso in campo di Ba

Baldini 5 – Molto impreciso al momento del passaggio decisivo, sbaglia due verticalizzazioni che sarebbero state fondamentali per gli attaccanti (dall’84’ Beretta sv)

Ogunseye 5,5 – Si vede poco, non è in perfette condizioni fisiche (dal 60′ Tsadjout 5,5) Il Cosenza lascia spazi che Tsadjout non sfrutta

Tavernelli 5 – Qualche buona incursione e poco più, sostituito nel finale (dal 72′ Rosafio 6) Pericoloso da calcio d’angolo

All. Venturato 5,5 – Il Cittadella sembra aver perso lo smalto del girone d’andata, parte bene ma non riesce a chiudere la partita e nel finale viene punito.

COSENZA

Falcone 7 – Gran merito del pareggio finale va alla sua freddezza glaciale nel secondo tempo con tre interventi decisivi

Ingrosso 6 – Molto meglio da centrale nel 4-3-1-2 che da braccetto destro nel 3-4-1-2 dove viene spesso portato fuori posizione dagli inserimenti dei centrocampisti veneti.

Leggi anche:  Serie A, Fiorentina-Sampdoria 3-1: tris dei Viola al Franchi

Schiavi 6 – Alla prima da titolare dimostra di meritare più spazio. Cattivo al punto giusto

Legittimo 6,5 – Lui invece da titolare le ha giocate tutte eppure non sembrano pesargli i minuti. Centrale o terzino il suo lavoro lo svolge sempre egregiamente

Corsi 6,5 – Era destinato al cambio, la palla non esce ed arriva il primo gol in Serie B. Sliding doors

Petrucci 6,5 – Dopo la brutta prova di sabato contro la Spal ecco il solito Petrucci, attento in regia (dal 90′ Idda sv)

Sciaudone 6 – Sarebbe stato da 5 se al 90′ non avesse trovato il filtrante giusto per Corsi. Sembra molto stanco

Vera 4,5 – Primo tempo da film horror, si addormenta sul gol del Cittadella e sbaglia sia in fase offensiva che in fase difensiva (dal 46′ Ba 6,5) Il suo ingresso cambia il Cosenza, inizia l’azione del pareggio

Tremolada 6,5 – Sbaglia pochissimo, è un acquisto che potrebbe rivelarsi decisivo nella corsa per la salvezza (dal 62′ Bahlouli 6) Qualche buona iniziativa, tante imprecisioni

Carretta 5,5 – Il solito pasticcione, sbaglia un gol davanti a Kastrati (dal 75′ Sueva sv)

Trotta 6 – E’ in ritardo di condizione ma fa tanto lavoro sporco. Poco efficace in area di rigore

All. Occhiuzzi 6,5 Dopo l’avvio da film horror non ci credeva neanche lui al pareggio. Aggiusta la squadra con una ripresa di livello

  •   
  •  
  •  
  •